SANCTI LEANDRI, HISPALENSIS EPISCOPI, REGULA,

 SIVE LIBER DE INSTITUTIONE VIRGINUM ET CONTEMPTU MUNDI,

 AD FLORENTINAM SOROREM.  

REGOLA DI SAN LEANDRO, VESCOVO DI SIVIGLIA,

SULLA FORMAZIONE DELLE VERGINI E SUL DISPREZZO DEL MONDO,

ALLA SORELLA FLORENTINA

Estratto da "Patrologia Latina Database" - Vol. 72 - Migne

Ed. Chadwyck-Healey 1996

Libera traduzione

INCIPIT IN CHRISTI NOMINE SANCTI LEANDRI REGULA

INIZIA NEL NOME DEL SIGNORE LA REGOLA DI SAN LEANDRO

(PROLOGO)

Leander Dei misericordia pergratae in Christo mihi filiae et sorori Florentinae.

 Perquirenti mihi, soror charissima Florentina, quibus te divitiarum cumulis haeredem facerem, qua te patrimonii sorte ditarem, multae rerum fallacium occurrebant imagines; quas cum ego ut importunas muscas manu mentis abigerem, tacitus aiebam: Aurum et argentum de terra est, et in terram revertitur; fundus et patrimonium reditus vilia et transitoria sunt, praeterit enim figura hujus mundi (I Cor. VII). Quidquid enim sub sole conspexi, nihil te dignum, soror, arbitratus sum; nihil muneri tuo credidi esse gratissimum: omnia mutabunda, caduca, et vana fore conspexi. Unde veram esse attendi Salomonis sententiam, dicentis (Eccle. II): Magnificavi opera mea, aedificavi mihi domos, plantavi vineas, feci hortos et pomaria, et consevi cunctis generibus arborum, instruxi mihi piscinas aquarum, ut irrigarem silvam germinantium lignorum. Possedi servos et ancillas, multamque familiam habui; armenta quoque et agnos ovium, greges quoque caprarum, ultra omnes qui fuerunt ante me in Jerusalem. Coacervavi mihi argentum et aurum, et substantias regum ac provinciarum; feci mihi cantores et cantatrices, et delicias filiorum hominum; scyphos et urceos in ministerio ad vina fundenda. Et supergressus sum opibus omnes qui fuerunt ante me in Jerusalem.

Quam igitur omnem mortalium pompam tali termino conclusit, ut diceret: Cumque me convertissem ad omnia quae fecerant manus meae, et labores in quibus frustra sudaveram, vidi in omnibus vanitatem et afflictionem animi, et nihil permanere sub sole. Et iterum ipse dicit: Detestatus sum omnem industriam meam, quam sub sole studiosissime laboravi, habiturus haeredem post me, quem ignoro, utrum sapiens aut stultus sit, dominabitur in laboribus meis quibus desudavi et sollicitus fui, et est quidquam tam vanum? Unde cessavi, renuntiavitque cor meum ultra laborare sub sole.

 Tali quoque informatus oraculo, non esse me parentem verum existimares, soror, si te iis ditarem rebus, quae stabilitate nulla consisterent, quae mundanis subjectae casibus te destituerent, nudamque relinquerent. Aerumnis quoque te cumularem, et timori metuique subjicerem, si ea quae fur auferre poterat, sulcare tinea, aerugo vorare, ignis absumere, terra obruere, aqua delere, sol torrere, imber foedare, glacies stringere, tuae germanitati conferenda esse putarem. His certe rebus humanis implicatus animus a Deo avertitur, et ab illa immobili ac permanentis veritatis forma recedit. Nec potest ad se admittere divini verbi dulcedinem, aut Spiritus sancti suavitatem, pectus quod tot mundanis agitatur molestiis, tot curarum temporalium stimulis verberatur. Si ergo te his nexibus alligarem, talibusque onerarem ponderibus, et mole terrenae cogitationis opprimerem, inimicum me, non parentem deberes aestimare; interemptorem, non fratrem esse sentires.

Leandro, per la misericordia di Dio, alla graditissima figlia e sorella in Cristo Florentina.

 

Quando mi chiedevo insistentemente, carissima sorella Florentina, quale cumulo di ricchezze potrei lasciare in eredità come patrimonio, mi sono venute in mente molte immagini di beni fasulli.  Ma dopo averle allontanate dalla mente come si allontanano con la mano le mosche fastidiose, mi sono detto: "L'oro e l'argento sono venuti dalla terra e di nuovo alla terra ritorneranno; i poderi e le rendite patrimoniali sono di poco valore, sono caduche, mentre passa infatti la figura di questo mondo " (1 Cor 7,31).  Nulla, dunque, ho visto sotto il sole che ho pensato degno di te, sorella mia; sono convinto che nessuno di questi beni può essere gradito alla tua professione.  Ho visto che tutto è mutevole, caduco e vuoto.  Così ho capito quanto sia vera la sentenza di Salomone che dice: “Ho intrapreso grandi opere, mi sono fabbricato case, mi sono piantato vigneti. Mi sono fatto parchi e giardini e vi ho piantato alberi da frutto d’ogni specie; mi sono fatto vasche per irrigare con l’acqua quelle piantagioni in crescita. Ho acquistato schiavi e schiave e altri ne ho avuti nati in casa; ho posseduto anche armenti e greggi in gran numero, più di tutti i miei predecessori a Gerusalemme. Ho accumulato per me anche argento e oro, ricchezze di re e di province. Mi sono procurato cantori e cantatrici, insieme con molte donne, delizie degli uomini. Sono divenuto più ricco e più potente di tutti i miei predecessori a Gerusalemme, pur conservando la mia sapienza” (Qo 2,4-9).

Espose tutto questo sfoggio di cose mortali in tali termini e così concluse: “Ho considerato tutte le opere fatte dalle mie mani e tutta la fatica che avevo affrontato per realizzarle. Ed ecco: tutto è vanità e un correre dietro al vento. Non c’è alcun guadagno sotto il sole” (Qo 2,11).  E ancora continua egli stesso: “Ho preso in odio ogni lavoro che con fatica ho compiuto sotto il sole, perché dovrò lasciarlo al mio successore. E chi sa se questi sarà saggio o stolto? Eppure potrà disporre di tutto il mio lavoro, in cui ho speso fatiche e intelligenza sotto il sole. Anche questo è vanità! Sono giunto al punto di disperare in cuor mio per tutta la fatica che avevo sostenuto sotto il sole” (Qo 2,18-20).

Istruito da un tale oracolo, io non penserei di essere un genitore vero, sorella, se dovessi arricchirti con quelle cose che non sono costruite su un fondamento stabile che, una volta sottoposto ai destini terreni, ti avrebbe abbandonata e ti avrebbe lasciata indigente. Inoltre aumenterei le tue difficoltà e ti sottoporrei a timore ed a tremore, se pensassi di dover conferire a te, sorella mia, ciò che il ladro può portare via, che il tarlo scava, che la ruggine consuma, che il fuoco divora, che la terra nasconde, che l'acqua distrugge, che il sole brucia, che la pioggia rovina ed il gelo devasta. Certamente, quando l’animo è impegnato in tali cose umane si allontana da Dio e si ritrae da quell’immagine stabile e invariabile della verità. Né può il cuore, agitato da tanti ostacoli del mondo e frustato dagli stimoli di tante preoccupazioni temporali, ricevere in sé stesso la dolcezza della parola divina e la protezione dello Spirito Santo. Se io ti dovessi legare con tali nodi, caricare con tali pesi ed opprimere con il carico dei pensieri terreni, mi considereresti un nemico piuttosto che un genitore; mi considerereste un assassino piuttosto che un fratello.

Eia! soror charissima, quoniam quidquid axe coeli concluditur, terrena sustinent fundamenta, et telluris super faciem volvitur, nihil dignum quo ditari posses invenimus, supra coelos quaerendum est, unde munus virginitatis auxisti, ut ibi praemium et patrimonium virginitatis invenias. Ex compensatione enim integritatis meritum agnoscitur et de sua retributione pensatur. Quanto enim vilis putaretur, si transitoriis terrenisque ditaretur muneribus; tanto praeclara est virginitas et excellens, quae calcatis abdicatisque mundanis voluptatibus, dum in terris angelorum servat integritatem, Dominum angelorum sortita est portionem. Quae ergo est virginitatis haereditas? nonne ea quam dicit Psalmista: Dominus pars haereditatis meae (Psalm. XV)? Et iterum: Portio mea Dominus (Psalm. CXVIII)?

 

Vide, soror, quantum profeceris, vide quam summum teneas apicem, ut multorum gratiam beneficiorum in unum eumdemque inveneris Christum. Sponsus est, frater est, amicus est, pars haereditatis est, amicus est, Deus et Dominus est. Habes in eo sponsum, quem diligas: Speciosus est enim forma prae filiis hominum (Psalm. XLIV). Est verus frater quem teneas; adoptione enim et tu ejus filia, cujus filius est ille natura. Est amicus de quo non dubites; ipse enim dicit: Una est amica mea (Cant. VI). Habes in eo haereditatem quam ambias, pars enim haereditatis tuae ipse est. Habes in eo pretium quod agnoscas, quia sanguis ejus redemptio tua est. Habes in eo Deum a quo regaris, Dominum quem metuas et honores.

 

 Totam sibi in Christo praerogativam virginitas vindicat, ut ante quam tremunt angeli, cui serviunt potestates, cui virtutes obtemperant, cui coelestia et terrestria genuflectunt, hunc sibi virgo sponsum vindicet, ad hujus thalamum ornata virtutibus properet, hunc cubili cordis, casto cubili confoveat. Et quid amplius ei conferre potuit, cui se Christus sponsum tribuit, sanguinem suum dotis ac muneris titulo compensavit? Solent ergo qui uxores ducunt dotes tribuere, conferre praemia, et ad vicem perdendi pudoris sua tradere patrimonia; ut emissa potius quam duxisse videantur uxores. Tuus, virgo, sponsus dotem tibi sanguinem suum dedit, eo te redemit, eo te suae copulae sociavit, ut pudorem non perdas, et habeas praemia.

 

 

Quanto enim munificentius est dotis praemium, tanto est amor immensior. Multum enim diligit, quam proprio sibi sanguine desponsavit. Et ob hoc suum corpus vulneris ictu et telo gladii maluit aperiri, ut tuam sibi integritatem emeret, pudicitiam conservaret. E contrario enim curavit hominem: ut sicut mors ejus vita est nostra, ejusque humilitas nostrae est superbiae medicina, sic et vulneribus ipsius nostra integritas empta est, qui ideo feriri se vulnere voluit, ne malleo universae terrae nos feriri sineret. Pretio enim empti estis, ait Apostolus, nolite fieri servi hominum (I Cor. VII). Cur virgo dare vis corpus viro, quod jam est redemptum a Christo? Alius te redimit, et alii nubere cupis? alterius pretio libertatis militas, et spontanea te servitute condemnas? Si mundus omnis titulo dotis scribitur, quid pretiosius sanguine Christi, quo redemptus est mundus? Appende mercedem et pretium, ut videas plus valere qui redemit, quam id quod redemit. Quanto itaque prave intelligit virgo, quae contempto emptore mercem sequitur; et sanguine Christi postposito, mundum qui redemptus est amplexatur.

Orsù! carissima sorella, poiché tutto ciò che è incluso sotto l'asse del cielo si appoggia su fondamenti terreni e si aggira sulla terra, non abbiamo trovato nessuna cosa degna di arricchimento per noi: è sopra i cieli che dobbiamo cercare, da dove hai ricevuto il regalo della verginità, affinché tu possa trovare là la ricompensa ed il patrimonio di quella verginità. Il merito dell’integrità lo si riconosce dal compenso ed è considerato secondo la sua retribuzione. Tanto la verginità sarebbe stimata di scarso valore se fosse ornata di doni transitori di questo mondo, quanto invece è considerata straordinaria ed eccellente se calpesta e rifiuta i piaceri terreni, mentre conserva sulla terra l'integrità degli angeli ed ha in sorte la porzione del Signore degli angeli. Che cosa è poi l'eredità della verginità? Non è quella che dice il Salmista: Il Signore è mia parte di eredità (Sal 16,5)? Ed ancora: La mia parte è il Signore (Sal 119, 57)?

Vedi, sorella, quanto hai progredito; vedi quale alta vetta hai raggiunto e come hai trovato la grazia di molti benefici nel solo e medesimo Cristo. È tuo sposo, tuo fratello, tuo amico, tua parte di eredità, tua ricompensa, tuo Dio e tuo Signore. Hai in lui uno sposo da amare: Tu sei il più bello tra i figli dell’uomo (Sal 45,3). È un vero fratello che tu hai, dato che sei la figlia di adozione di colui del quale Cristo è figlio per natura. È un amico di cui non devi dubitare, dato che egli stesso dice: Unica è la mia amica (trad. lett. La mia colomba. Ndt) (Ct 6,9). Hai in lui l'eredità che puoi abbracciare, dato che è egli stesso la parte della tua eredità. Hai in lui la ricompensa che puoi riconoscere, dato che il suo sangue è la tua redenzione. Hai in lui Dio che ti guida, il Signore che temi e che onori.

La verginità rivendica per sé stessa in Cristo tutto questo privilegio, affinché colui davanti al quale tremano gli angeli, colui che è servito dalle potestà, a cui le virtù obbediscono, a cui si inchinano le creature celesti e terrestri, costui la vergine richieda come sposo, al suo talamo si affretti ornata con tutte le virtù, lo ristori col casto letto del suo cuore. Che cosa Gesù Cristo avrebbe potuto donare di più a colei cui si donò come sposo e che compensò col suo sangue a titolo di dote e di dono? Gli uomini che prendono moglie hanno l’abitudine di fornire le doti, di dare dei premi e di consegnare le loro proprietà per compensare la perdita della castità, in modo tale che sembra abbiano comprato le mogli, non che le abbiano sposate. Il tuo sposo, o vergine, ti ha dato il suo sangue come dote; con quello ti ha redento; con quello ti ha preso come sua compagna, affinché tu non perda la castità e tu possa avere la ricompensa.

Nella stessa misura in cui il premio della dote è più grandioso, tanto il suo amore è più immenso. Infatti egli ama profondamente colei che ha sposato con il suo proprio sangue. E per questo ha preferito che il suo corpo fosse aperto dalle ferite inflitte con la spada, per meritarsi la tua purezza e consacrare la tua castità. Infatti curò l’umanità con metodi opposti: così come la sua morte è la nostra vita e la sua umiltà è la medicina alla nostra superbia, così pure con le sue ferite è stata comprata la nostra integrità, dato che ha desiderato essere ferito per non lasciarci ferire dal martello di tutta la terra (Ger 50,23). Siete stati comprati a caro prezzo, dice l'Apostolo, non fatevi schiavi degli uomini! (1 Cor 7,23) Perché, o vergine, vuoi dare ad un uomo un corpo già redento da Cristo? Uno ti ha redento e tu desideri sposare un altro? Godi della libertà al prezzo della libertà di un altro e ti condanni con una servitù volontaria? Se l'intero mondo ti è assegnato come dote, che cosa è più prezioso del sangue di Cristo, grazie al quale il mondo è stato redento? Pesa la ricompensa ed il costo, da quello puoi sapere che chi ti ha redento vale più di quello che ha redento. Quanto capisce in modo distorto la vergine che disprezza il compratore e segue la merce e, dopo aver trascurato il sangue di Cristo, abbraccia il mondo che è stato redento!

Non sum idoneus eloqui, soror amantissima, praemia virginitatis: est enim ineffabile donum, absconsum oculis, celatum auribus, intelligentiae obseratum. Quod omnes esse sperant sancti, et post resurrectionem cuncta praestolatur Ecclesia fieri, vos jam estis. Corruptibile hoc, ait Apostolus, induet incorruptionem (I Cor. XV). Sed revera post resurrectionem corporis. Ecce vos incorruptionis gloriam jam scitis. Vos istam jam in praesenti saeculo partem gloriae possidetis. Quanta est enim beatitudo, quae vobis reponitur in futurum! quae vobis corona manet in aeternum, quae incorruptionis gratiam, ad quam multi pervenire desiderant, hic habetis! Gaude ergo talem te esse, qualis Dei formata es manibus. Ille ergo integra condit utique, quam integritate ditavit, quam ad integritatis praemia praeparavit. Perversi enim naturalem corrumpunt homines, quam Deus formavit integram. Et haec offensa humani generis prima, haec damnatae originis causa, dum protoplasti esse noluerunt quod fuerant conditi: idcirco meruerunt in se et in prole damnari. Reparatae castimoniae in vobis retentaculum, o virgines, quod perdiderunt in paradiso primi homines. Vos enim conditionem servastis primigenarum hominum, quae tales perseverastis, quales illi sunt instituti. Sed cavete exempla eorum. Heu! proh dolor! soror charissima, fuge primorum hominum exempla, horresce serpentis antiquissimi sibila; ne incipiat tibi germinare spinas et tribulos vitiata terra, et quae pro insigni virginitatis lilia rosasque parturire debet, urticam et paleam producat: istam, quae urat, illam, quae laceret.

 

 

Vos enim estis prima delibatio corporis Ecclesiae. Vos itaque ex tota Christi corporis massa oblationes Deo acceptae, et in supernis altaribus consecratae. Pro vestro enim proposito, et pro fide sua, omnis Ecclesia nomen virginitatis indepta est, dum in ea melior pars et propensior vos estis, quae animae corporisque vestri integritatem Christo dedicastis. Et licet in omnibus suis generaliter membris fide maneat virgo, tamen suorum parte membrorum, quod estis vos, non incongrue virgo etiam corporea: genere scilicet illius locutionis, quo aut totum a parte, aut pars nominatur a toto.

 

 Meditare ut columba, sanctissima virgo, et mente pertracta quae in futuro tibi maneat gloria; quae non acquievisti carni et sanguini; neque corpus illud sanctissimum prostrasti corruptioni. Age ergo, cogitare praesume, intellige, quibus te amplexibus cupiat Christus, quae mundi calcasti illecebras; quo te desiderio chorus ille expectet virgineus, quam ipsis gradibus properantem coelorum ardua vident, quibus chorus ipse virginalis pervenit ad Christum. Gaudet et Maria mater Domini, apex et specimen virginitatis, incorruptionis mater, quae vos exemplo suo genuit, et manet integra; vos documento suo peperit, et dolores nescivit; genuit sponsum, et virgo est. Felix ille venter, qui novit gignere, non corrumpi. Beata illa fecunditas, quae pariendo implevit mundum, haereditavit coelos, nec amisit velamina virginitatis. Ardeat cor tuum, soror, igne illo, quem Christus misit in terram. Excitet te flamma ignis ejus, et chorus ille virgineus prosequens Mariam. Ipsam ergo oculo mentis suscipe, ipsos comitare choros, ipsis te animi desiderio junge, ibi festina, ibi propera: ibi reposita est corona justitiae, quam reddet tibi Dominus justus judex in illa die (II Tim. IV).

Non sono degno, sorella carissima, di parlare del premio della verginità, dato che è un regalo ineffabile, nascosto agli occhi, celato alle orecchie, oscuro alla comprensione. Ciò che tutti i santi sperano di diventare e che, dopo la resurrezione, tutta la Chiesa attende di divenire, voi già lo siete. Questo corpo corruttibile si vestirà d’incorruttibilità (1 Cor 15,54), dice l'Apostolo. Ma, realmente, dopo la resurrezione del corpo. Ecco! voi già conoscete la gloria dell’incorruttibilità. Voi già possedete quella parte di gloria nel mondo attuale. Quale beatitudine, infatti, è messa da parte per voi in futuro! Quale corona vi attende nell'eternità, quale dono dell’incorruttibilità, che molti desiderano raggiungere, avete voi già qui! E dunque mi rallegro che tu sia tal quale sei stata formata dalle mani di Dio. Egli creò senz’altro integra colei che ha corredato dell’integrità, che ha preparato per la ricompensa dell’integrità. Ma gli uomini malvagi corrompono la natura che Dio ha formato integra. Questo fu il primo peccato dell'umanità e la causa della condanna originaria, in quanto i nostri primi genitori non vollero rimanere come erano stati creati; quindi, hanno meritato di essere condannati in sé stessi e nella loro prole. Riedificate in voi stesse, o vergini, l’impegno della castità che i primi uomini hanno perso nel paradiso. Voi, infatti, avete conservato lo stato degli uomini primitivi, perseverando nello stato in cui questi sono stati creati. Ma guardatevi dai loro esempi. Ahimè, che dolore! Carissima sorella, evita gli esempi delle prime creature, rabbrividisci al sibilo dell’antico serpente; affinché la terra infettata non cominci a farti germinare spine e cardi e non produca ortica e paglia colei che dovrebbe generare gigli e rose come segno della verginità; paglia che brucia ed ortica che punge.

Voi, infatti, siete la primizia del corpo della Chiesa. Di conseguenza, dall’insieme di tutto del corpo di Cristo, voi siete oblazioni accettate da Dio e consacrate sui divini altari. In conformità alla vostra decisione ed alla sua propria fede, l'intera Chiesa ha guadagnato il nome di verginità, poiché voi siete la parte migliore e più importante che ha dedicato a Cristo l’integrità delle vostri menti e dei vostri corpi. Sebbene la Chiesa rimanga generalmente vergine per fede in tutti i suoi membri, tuttavia in una parte di essi, che siete voi, rimane vergine in modo congruente anche nel corpo.

Sii semplice come una colomba (Mt 10,16) (trad. lett. Pensa come una colomba. Ndt), o vergine purissima, e pensa profondamente alla gloria che ti attende in futuro; in quanto non hai ceduto alla carne ed al sangue; né hai sottomesso quel purissimo corpo alla corruzione. Su, dunque, rifletti e pregusta col pensiero con quali abbracci Cristo desidera riceverti, tu che hai calpestato le attrazioni del mondo; con quale desiderio ti attende quel coro di vergini che ti osserva mentre ti affretti verso le altezze dei cieli sugli stessi gradini su cui quel coro di vergini giunse fino a Cristo. Si rallegra anche Maria, madre del Signore, esempio supremo di verginità, madre dell’incorruttibilità, che vi generò con la sua testimonianza e rimase integra: vi partorì con il suo esempio e non conobbe il dolore; generò lo sposo ed è vergine. Felice quel ventre che seppe generare senza corrompersi. Benedetta quella fertilità che partorendo riempì il mondo, ereditò il cielo come sua ricompensa, eppure non ha perso il velo della verginità. Arda il tuo cuore, sorella, di quel fuoco che Cristo ha inviato sulla terra. Che tu sia spronata dalla fiamma di quel fuoco e da quel coro di vergini che accompagnano Maria. Accoglila con l’occhio dell’anima, accompagna quei cori e uniscili a te col desiderio del cuore, affrettati lì, volgiti lì: lì è riposta la corona di giustizia che il Signore, il giudice giusto, ti consegnerà in quel giorno (2 Tm 4,8).

Senti fratris animum tuos desiderare profectus, senti fratris concupiscentiam velle te esse cum Christo. Qui etsi in me non habeo quod in te perficere volo, perdidisse me doleam quod te tenere desidero: erit mihi interim quaedam portio remissionis, si tu quae pars melior nostri es corporis, in via peccatorum non steteris; si quod tenes, firmissime teneas. Heu mihi! si alius accipiat coronam tuam. Tu apud Christum tutamen meum, tu charissima meum pignus, tu hostia mea sacratissima, qua expiari a colluvione peccati non dubito. Si tu accepta es Deo, si tu casto cubili cum Christo cubaveris, si tu Christi amplexibus fragrantissimo virginitatis odore inhaeseris, profecto peccatoris memor fratris obtinebis pro reatu germani indulgentiam quam poposceris. Non te contristabit, qui te suae copulavit societati. Sinistra ejus, in qua est honor et gloria, sub capite tuo; et dextera ejus, in qua est longitudo vitae, amplexabitur te (Cant. II). Talibus sponsi oblata amplexibus, meam veniam postulans obtinebis. Amor tuus in Christo erit indulgentia mea: et quantulamcunque spem remissionis habeo, si soror quam diligo ad nuptias Christi transierit; atque in illo terribili metuendoque judicio respiramentum aderit, ubi de factis, actibus, vel de commissis discussio fuerit; ubi de meis dispendiis, heu mihi! sum cogendus reddere rationem, tu solatium meum, tu respiramentum meum. Et vindicta quae mihi debetur pro negligentia mea, forte castitatis tuae sedabitur intercessione.

 

Defendes me profectu tuo a meo reatu operis, si tu Christo adhaeseris, et si tu illi placueris, ego unde ei displiceo non gravabor, dum tibi indulget, mihi parcet; nec perire fratrem sinet, cujus spondit sororem. Per te forte mihi donabitur chirographum quod contraxi; dum te Christus fovet charitate, me non punit pro crimine. Miserere, soror, non tantum tui, sed et mei; ut unde tibi restat gloria, saltem mihi vel venia concedatur. Multae in tuo erunt virgines comitatu: cum iis facile impetrabis pro me quod poposceris. Imo ipsa mater et dux virginum Maria suum interpellabit pro tuo merito Filium; et ne te contristet pro me orantem, me eriget forte jacentem, et conscientiae reatu merentem consolabitur. Non confundatur spes mea per te ad Deum. Meo igitur hortamento, meo ministerio, Dei quidem dono, sed meo obsequio, hanc tenes professionem. Sit ergo mihi integritas tua causa veniae, quae tibi erit causa coronae.

 

 

Averte, quaeso, oculos a mundi falsis inanibus. Coelos aspice, ubi est sponsus tuus. Illuc animum dirige, ubi Christus est in Dei dextera sedens (Col. III). Omne enim quod in mundo est, concupiscentia carnis, et concupiscentia oculorum est (I Joan. II). Quae sursus sunt quaere: ubi est vita tua, illic sunt et desideria tua; ubi est sponsus tuus, ibi sit et thesaurus tuus. Nolo te moveri voluptate saeculi, nolo te fulgore carnis decorari. Cito movet alienam libidinem caro ornata, et aspectus juvenum in se provocat, quae se componit ut ornata procedat. Placere velle oculis alienis, affectus est meretricis; et ad sponsi coelestis refertur injuriam, si ita incedas ut oculis libidinosis placeas. Esto, quaeso, judex inter nubentes et virgines: spem utriusque considera quis quam teneat viam aestima.

Renditi conto che il cuore di tuo fratello desidera il tuo progresso spirituale, renditi conto che il desiderio più ardente di tuo fratello è che tu viva con Cristo. Sebbene io non abbia dentro di me ciò che voglio perfezionare in te, mi addoloro per aver perso ciò che desidero tu mantenga: eppure, nel frattempo, ci sarà per me una certa parte di perdono se tu, che sei la migliore parte del nostro corpo, non resti nella via dei peccatori (Sal 1,1); se terrai più saldamente ciò che hai. Ahimè per me! se un altro riceve la tua corona. Tu sei il mio riparo in Cristo, tu, carissima sorella sei il mio pegno, tu sei la mia offerta più sacra, con cui sono certo che sarò purificato della sozzura dei miei peccati. Se tu sei accetta a Dio, se giacerai con Cristo su di un casto giaciglio, se aderirai all'abbraccio di Cristo con l'odore più fragrante della verginità, allora certamente, quando ricorderai i peccati di tuo fratello, otterrai l'indulgenza che avrai implorato per la colpa di tuo fratello. Chi si congiunge in alleanza con te non ti rattristerà. La sua mano sinistra, in cui è l'onore e la gloria, è sotto il tuo capo, la sua destra, in cui è la longevità di vita, ti abbraccerà (Ct 2,6; Pr 3,16)). Consacrata a tali abbracci dello sposo, puoi chiedere ed ottenere il perdono per me. Il tuo amore per Cristo sarà la mia indulgenza ed avrò speranza di remissione, per quanto piccola, se la sorella che amo passerà a nozze con Cristo; e sarà un sollievo in quel terribile e temuto giudizio, quando dovrò rispondere di omissioni, di azioni e di colpe commesse; ahimè! Quando sarò costretto a fare un resoconto delle mie dissipazioni, tu sarai la mia consolazione ed il mio conforto. E la punizione che è mi è dovuta per i miei errori, può eventualmente essere alleviata dall'intercessione della tua castità.

Col tuo avanzamento nella virtù mi difenderai dalle mie azioni malvage, se aderirai a Cristo e se gli sarai gradita, io non sarò appesantito da ciò che ho fatto per dispiacergli, mentre è indulgente con te, mi risparmierà; né permetterà che perisca il fratello la cui sorella ha preso come sposa. Forse grazie a te mi è stata concessa la cambiale che ho contratto; mentre Cristo favorisce te con l’amore, non punisce me per la colpa commessa. Pietà, sorella, non solo di te, quanto piuttosto di me; affinché ciò che per te è gloria, per me almeno sia concesso come perdono. Molte vergini saranno in tua compagnia: con loro potrai ottenere facilmente ciò che avrai implorato per me. Alla fine, la stessa madre e guida delle vergini Maria, per tuo merito interpellerà suo Figlio e per non contristare te che preghi per me, se cadrò, certamente mi rialzerà e, se mi sarò reso colpevole con un peccato di coscienza, mi consolerà. Per tua intercessione non sarà confusa la mia speranza nel Signore. Infatti tu fai questa professione grazie al mio incitamento e al mio ministero, come dono di Dio, ma anche con la mia condiscendenza. Sia, dunque, la tua integrità, che sarà per te motivo della corona, origine del mio perdono.

Allontana, di grazia, gli occhi dalle false attrazioni del mondo. Volgi lo sguardo al Cielo dove è il tuo sposo. Volgi là il tuo cuore, dove è Cristo, seduto alla destra di Dio (Col 3,1). Perché tutto quello che è nel mondo è concupiscenza della carne e concupiscenza degli occhi (1 Gv 2,6). Cercate le cose di lassù (Col 3,1): dove è la tua vita, là siano i tuoi desideri; dove è il tuo sposo, là sia il tuo tesoro. Non voglio che tu sia sollecitata dai piaceri del mondo, non voglio che tu ti impreziosisca con la bellezza della carne. Il corpo impreziosito suscita l’altrui libidine e provoca gli sguardi dei giovani colei che si predispone per mostrarsi adornata. Il voler piacere agli occhi altrui è un desiderio da meretrice; e tu rendi ingiuria allo sposo celeste, se procedi così per piacere agli occhi libidinosi. Sii giudice, ti prego, tra le donne sposate e le vergini: considera la speranza delle une e delle altre e valuta su quale via ciascuna si diriga.

Virgo studet placere Deo; nupta saeculo. Virgo servat integritatem qua nata est; nupta corrumpitur. Et quale est, ubi non permanet integra ut coepit esse natura? Primum divino operi irrogatur injuria, dum quod ille formavit integrum libidine corrumpitur, libidine maculatur. In vos Deus cognoscit opus suum; quas tenet saeculum, et non corrumpit; quas tales Deus recipit, quales fecit. Omnia itaque restauranda sunt in resurrectione quae nunc pereunt de corpore. Virginitas semel perdita nec hic reparatur nec in futuro recipitur. Verum est quod Deus praeceperit nuptias; sed idcirco, ut inde nasceretur virginitas: ut multiplicata virginum successione, lucraretur in prole, quod perdiderant nuptiae. Et radix et fructus nuptiarum virginitas est. De conjugio certe nascitur virgo: quae si non corrumpitur, ad nuptiarum additur praemium. Habent nuptae unde laetentur, si sui fructus coelesti horreo reponantur. Tu quoque communium parentum cumulabis merita; tuis utrique honoribus munerabuntur; te prole Christo adhaerente, ipsi recipient in fructu quod in cespite perdiderunt.

 Recole, mea soror, humanarum nuptiarum aerumnas, et claude oculos, ne videas vanitatem. Prima pericula nuptiarum haec sunt: corruptio, corruptionis fastidia, pondus uteri gravidati, dolor partus plerumque ad discrimen mortis perveniens, ubi et munus nuptiarum perit et fructus; dum simul mater cum prole deficit, et omnis illa pompa nuptialis mortis frustratur termino. Quam putabant causam esse laetitiae, quis eam occasionem interimendi invenit? Quid aget post mortem, quae totam laetitiam nuptiis deputavit? Quae viro placere voluit, non Deo, quid aget dum exit a saeculo? Quae sollicita fuit quomodo placeret mundo, quam poterit habere partem cum Christo? Quae primum non bene viris se distrahunt, simulque cum pudicitia libertatem perdunt, quando captivam virginitatem suscepta dote addicunt. Quid miserae illi remanet, quae pudorem venditat? Quod si forte mundi, ut fieri solet, casu perdat donationem, tunc et pudore caruit, et amisit pretium. Vides quam nuda et destituta in utroque remansit! Pro viro certe gemino timoris addicta periculo, timet bonum perdere, timet malum habere.

 

 

Quis ergo inter haec medius est locus laetitiae? Quas formas lenocinii meditatur ut placeat oculis? quibus peregrinis odoribus inficit vestem? et ut oblectet sensus, cutem mentitur alienam. Quae fuco illitam vario adulterat figmento faciem, ne sit ipsa quae nata est, et decipiat virum specie aliena, non propria. Vide si non maleficii genus est, excogitare artem qua provocet libidinem alienam. Et quae sic corrumpit faciem, quam putas corruptam habet mentem? Triplex commisit adulterium: mentis, quae talem meditata est fraudem; corporis, quae figmento mutavit speciem; vestitus, quae non proprio, sed alieno fragrat odore. His malis virgo nescia, sexum habet, et sexus necessitatem ignorat. Femineae fragilitatis oblita rigore virili subsistit, atque infirmum sexum virtute solidavit: nec addixit servituti corpus, quod lege naturae viro subjacet.

 La vergine aspira a piacere a Dio; la sposata al secolo. La vergine conserva l’integrità con la quale è nata; la sposata la perde. E quale verginità è, qualora non rimanga integra, così come lo era all’inizio per natura? Innanzitutto si infligge un’ingiuria all’opera divina, poiché si corrompe e si macchia con la lussuria ciò che Egli creò integro. Dio riconosce la sua opera in voi che il secolo attira, ma non corrompe; in voi che Dio accolse tali e quali egli fece. Tutte le cose, dunque, che ora periscono col corpo, saranno ricostruite nella resurrezione. La verginità, una volta persa, non la si recupera né in questa vita, né in quella futura. E’ vero che Dio istituì il matrimonio, ma affinché da esso nascesse la verginità: in modo che, accresciuti i discendenti delle vergini, si guadagnasse nella prole ciò che le nozze avevano perso. E la radice ed il frutto delle nozze è la verginità. Certamente la vergine nasce dal matrimonio: che, se non si corrompe, si pone inoltre come premio delle nozze. I coniugi hanno di che gioire, se i loro frutti vengono riposti nel granaio del cielo. Anche tu accumulerai i meriti dei comuni genitori; saranno entrambi remunerati grazie alla tua integrità; grazie a te, figlia, che hai aderito a Cristo, essi riceveranno come frutto ciò che hanno perso come germoglio.

Considera, sorella mia, gli affanni delle nozze terrene, e chiudi gli occhi per non vederne la vanità. I primi pericoli del matrimonio sono questi: la corruzione, i fastidi della corruzione, il peso della gravidanza, il dolore del parto che spesso porta in pericolo di morte, facendo perire il dono ed il frutto delle nozze; mentre la madre e la prole vengono meno nello stesso momento e tutto quello sfarzo di nozze termina infine con la morte. Ciò che riteneva essere causa di gioia, scoprì essere occasione di distruzione. Cosa farà dopo la morte colei che aveva riposto tutta la sua gioia nelle nozze? Cosa farà, colei che volle piacere al marito e non a Dio, quando uscirà dalla vita terrena? Colei che fu sollecita nel piacere al mondo, che parte potrà avere con Cristo? In primo luogo quelle che in modo non opportuno si vendono agli uomini e con la pudicizia perdono contemporaneamente la libertà, dal momento che, accolta la dote, rendono prigioniera la verginità. Cosa rimane a quella misera che mette in vendita il pudore? Cosa succede nel caso che, come suole accadere nelle vicende del mondo, perde la dote, rimanendo priva del pudore ed avendo perso il suo prezzo. Vedi come rimane misera e defraudata! Certamente, a causa del marito, è esposta ad un duplice rischio di angoscia, teme di perdere un bene, teme di subire un male.

Che posto ambiguo c’è allora per la felicità in mezzo a questi pericoli? Quali generi di attrattiva concepisce per piacere agli sguardi?    Con quali esotici profumi impregna la veste? E, per dilettare i sensi, altera la pelle in modo inopportuno. Colei che con menzogna trasforma il suo volto cospargendolo di belletti, tanto da non essere più la stessa così come è nata, ed intanto illude il marito con una sembianza estranea, non sua. Giudica tu se non è una specie di maleficio escogitare un’arte che provochi la libidine altrui. E colei che profana così il suo viso, quanto pensi che abbia la mente corrotta? Ha commesso un triplice adulterio: della mente, che ha escogitato una tale insidia; del corpo, che ha cambiato aspetto con i belletti; del vestito, che diffonde un odore estraneo, non suo. La vergine non conosce questo male, possiede il sesso, ma ne ignora le esigenze naturali. Scordata la fragilità femminile, ha resistito con rigore virile ed ha reso forte il debole sesso con la virtù: e neppure ha destinato al servizio del corpo ciò che per legge naturale soggiace all’uomo.

Felix virgo, quae corpus trahit ex Eva, non poenam! Illa peccati merito audit: Sub viri potestate eris, et in doloribus paries (Gen. III). Tu virginitatem adepta, a tali jugo excussisti cervicem; nec pressa jugali necessitate curvaberis ad terram, sed in sublimi erecta coelos suspicis; ut unde illa vetitum praesumendo cecidit, ubi tu licita contemnendo conscenderes. Eva gustavit de illicito, et virginitatem perdidit.

 

Licebat nubere virgini, sed quae non nupsit, angelis adhaesit. In resurrectione enim non nubunt, neque uxores ducunt; sed erunt sicut angeli Dei (Matth. XXII). Vide, virgo quae non nubit, angelis comparatur. Licet enim gignere filios; sed quae hanc spreveverunt necessitatem, Christum dicentem audiunt: Beatae steriles quae non genuerunt, et ubera quae non lactaverunt (Luc. XXIII). E contrario illic dicitur nuptis: Vae praegnantibus et nutrientibus in illa die. Itaque virginei sensus pro filiis reputantur. Quid ergo quaerit quos pariendo doleat, quae pios habet sensus, quibus meditando congaudeat? Propter timorem tuum, Domine, inquit, in utero accepimus, et parturivimus Spiritum salutis (Isai. XXVI). Ecce felix conceptio, incorrupta progenies, utilis partus: ubi et proles bonae cogitationis editur, et ignoratur dolor. Tot felicia germina, quot sanctae cogitationes, toties concipit, quoties sancta meditatione Spiritum divinum capit.

 

 

 

Conceptio enim superna virtutes parit. Et ne putes te esse sterilem, tot filios habebis, quot virtutes protuleris. Una sancti Spiritus conceptione multos edes partus. Primus partus virginis, verecundiae virtus; secundus patientiae, tertius sobrietatis, quartus temperantiae, quintus charitatis, sextus humilitatis, septimus castitatis, ut impleatur quod legitur, quia sterilis peperit septem (I Reg. II). Ecce una septiformis Spiritus conceptione septem partus edidisti. Non dicas: Ecce ego lignum aridum, quia haec dicit Dominus eunuchis: Qui custodierint requiem meam, et elegerint quae volui, et tenuerint foedus meum, dabo eis in domo mea et in muris meis locum, et nomen melius a filiis et a filiabus; nomen sempiternum dabo eis, quod non peribit (Isa. LVI).

 

 

 Vides, amantissima soror, quod principalem in regno Dei virgines tenent locum? Et non immerito. Mundi enim contempserunt habitum, ideo pervenerunt ad coeleste regnum. Vitae coelestis beatitudinem hic incipiunt, quae generare in doloribus filios nesciverunt; et quae contagia libidinis et foeda conjugum figmenta respuunt, recte Christi nuptias impetrarunt. Nolo movearis pompaticis nuptarum incessibus, clientumque stipato comitatu. Hos incurrunt plerumque insidiatores pudicitiae, quos custodes castitatis putabant. Et cum se ambiri tot virorum formis vident, hoc in mentem venit, quod cum viris in lectulis agunt propriis; et quod expertae sunt in singulis, hoc in plurimis meditantur. Non verebor invidiam, si locutus fuero veritatem. Feriant me livore quas momorderit conscientia, dummodo proficientibus loquar quid cavere debeant in eis quae solo nitent opere carnis.

Felice la vergine che da Eva ha ricevuto il corpo e non la condanna! Ella, per colpa del peccato, si sentì dire: Tuo marito ti dominerà e con dolore partorirai figli (Gen 3,16). Tu, raggiunta la verginità, hai scosso il collo da tale giogo; e neppure sarai curvata per terra sotto il peso della necessità coniugale, ma sarai protesa verso l’alto e contemplerai il cielo; per salire là, da dove lei è caduta per aver voluto assaggiare ciò che era vietato, dopo aver disdegnato ciò che era lecito. Eva gustò ciò che era proibito e perse la verginità.

 Una vergine può sposarsi, ma colei che non si sposa si congiunge agli angeli. Alla risurrezione infatti non si prende né moglie né marito, ma si è come angeli nel cielo (Mt 22,30). Considera che la vergine che non si sposa è paragonata agli angeli. E’ lecito infatti partorire figli, ma quelle che disprezzarono tali necessità, sentono dire da Cristo: Beate le sterili, (i grembi) che non hanno generato e i seni che non hanno allattato (Lc 23,29). Al contrario, là si dice alle donne sposate: In quei giorni guai alle donne incinte e a quelle che allattano! (Mt 24,19) I sentimenti di una vergine sono considerati come fossero suoi figli. Perché, poi, dovrebbe cercare figli che partorirà con dolore colei che ha sentimenti santi su cui può meditare e rallegrarsi? Per il tuo timore, o Signore, dice (il profeta), abbiamo concepito nell’utero ed abbiamo partorito lo Spirito di salvezza (Is 26,18 LXX) Ecco una concezione felice, la progenie incorrotta, un parto utile: quando la prole prodotta è colma di buoni pensieri ed il dolore è sconosciuto. Ci sono altrettanti germogli fertili, quanti sono i pensieri santi, tante volte (la vergine) concepisce, quante volte riceve lo Spirito divino nella santa meditazione.

La concezione divina, infatti, dà alla luce le virtù. Ed affinché tu non pensi di essere sterile, avrai altrettanti figli, quante virtù avrai generato. Da un’unica concezione dello Spirito Santo, farai molti parti. Il primo parto di una vergine è la virtù della discrezione, il secondo della pazienza, il terzo della sobrietà, il quarto della temperanza, il quinto della carità, il sesto dell’umiltà, il settimo della castità, affinché si compia ciò che si legge, la sterile ha partorito sette volte (1 Sam 2,5).  Ecco, da una concezione dello Spirito settiforme, hai avuto sette parti. Non dire: «Ecco, io sono un albero secco!». Poiché così dice il Signore: «Agli eunuchi che osservano i miei sabati, preferiscono quello che a me piace e restano fermi nella mia alleanza, io concederò nella mia casa e dentro le mie mura un monumento e un nome più prezioso che figli e figlie; darò loro un nome eterno che non sarà mai cancellato (Is 56,3).

Vedi, sorella carissima, come le vergini occupano il posto principale nel regno di Dio? E non immeritatamente. Infatti hanno disprezzato lo spirito del mondo e quindi hanno raggiunto il regno celeste. Qui, quelle che non hanno sperimentato di partorire i figli nel dolore cominciano la beatitudine della vita celeste; e quelle che hanno rifiutato i contagi della libidine e le vergognose finzioni dei coniugi hanno portato giustamente a compimento il matrimonio con Cristo. Non voglio che tu sia stimolata dallo sfoggio delle cerimonie di nozze e dalla gremita folla degli spettatori. Generalmente queste cerimonie sono invase da gente che insidia la pudicizia, sebbene siano stati considerati come guardiani della castità. Quando le donne si vedono circondate da tanti tipi di uomini, cominciano a pensare a cosa fanno nei loro propri letti con i loro mariti; e ciò che sperimentano soltanto con uno, pensano di farlo con molti. Non devo temere l’invidia se avrò detto la verità. Mi feriscano con malignità quelle che hanno una cattiva coscienza, ma devo dire, a quelle che possono trarne profitto, che devono evitare le donne che brillano soltanto di opere carnali.

Certum est, mi soror, quae nitorem vestium composuerit, odore peregrino fragraverit, fuco mutaverit oculos, faciem candore alieno obduxerit, brachia circulis instruxerit aureis, digitis annulos inseruerit, et distinctione gemmarum sidereo radiaverit fulgore manibus, aures metallo aggravaverit, colla margaritis et vario gemmarum absconderit tegmine, caput ponderaverit auro; certum, inquam, est, hanc non esse castam: quae ad hoc se ita composuit, ut multorum feriat oculos, multorum animos moveat, illiciatque mentes. Quae etsi metu viri non gerat stuprum in aperto, fornicatur tamen interius animo.

 

 

Illa vero casta est, quae de simplici habitu bonisque moribus placet viro, et de bono castimoniae Deo. Harum habitum exprimit Petrus apostolus, et cultum vestium, vel aequitatem morum sua pingit praeceptione, cum dicit: Sit in muliere non exterior ornamenti aut auri, aut vestis cultus, sed cultus cordis (I Pet. III). Eadem ergo et Paulus apostolus intulit, dicens: Similiter et mulieres cum verecundia et sobrietate ornantes se, non in tortis crinibus, aut auro, aut margaritis, vel veste pretiosa; sed quod decet mulieres, promittentes pietatem per opera bona (II Tim. II). Quas dissonare ab iis praeceptionibus et discrepare compereris, velut gehennae duces et inferni comites fuge. Hoc enim suadebunt quo plenae sunt, quae etsi non verbo, ipso tamen habitu loquuntur flagitia. Et quae auro coruscaverit, et radiaverit gemmis, tanquam simulacra declina; idolumque aestimato, non hominem, quae a Deo bene conditam formam vario praesumpsit stuprare figmento. Unde et Scriptura dicit: Fallax imago, et vana est pulchritudo, mulier timens Deum ipsa laudabitur (Prov. III).

È certo, sorella mia, che non è casta una donna che si adorna di splendidi vestiti, che emana profumi esotici, che usa il trucco per alterare gli occhi, che dipinge il suo volto di un innaturale candore, che indossa braccialetti d’oro sulle sue braccia, che infila anelli sulle sue dita e sprigiona scintillii di stelle dalle gemme delle sue mani, appesantisce le orecchie con metallo, nasconde il suo collo con le perle e molti altri generi di pietre preziose, appesantisce la sua testa con oro; è sicuro, dico, che una tal donna non è casta, in quanto lei si è decorata per colpire gli occhi di molti, per muovere i loro pensieri, per attirare le loro attenzioni. Anche se per paura del suo marito non può commettere apertamente l'adulterio, eppure commette l’adulterio all'interno del suo cuore.

È veramente casta colei che piace al marito per i vestiti semplici e per le buone maniere ed a Dio per il bene della purezza. Il modo di fare e di vestirsi di queste donne sono descritti dall'apostolo Pietro e, nella sua predicazione, descrive il loro stile di vita corretto, quando dice: Il vostro ornamento non sia quello esteriore – capelli intrecciati, collane d’oro, sfoggio di vestiti – ma piuttosto, nel profondo del vostro cuore (1 Pt 3,3). Ed anche l'apostolo Paolo presenta le stesse cose, dicendo: Allo stesso modo preghino le donne, vestite decorosamente, si adornino con pudore e riservatezza, non con trecce e ornamenti d’oro, perle o vesti sontuose, ma, come conviene a donne che onorano Dio, con opere buone (1 Tm 2,9). Fuggi le donne che sai che si comportano diversamente da questi precetti e che sono in disaccordo con loro, come fossero guide della gehenna e compagne dell’inferno. Infatti loro ti persuaderanno di ciò di cui sono colme e, sebbene non ti comunicheranno la loro scelleratezza con le parole, lo faranno tuttavia con i loro stessi vestiti. Evita come se fosse un idolo la donna che è ornata con oro e si irradia con gioielli; considerala come un idolo, non un essere umano, che ha avuto la presunzione di deturpare con varie falsità il suo essere fisico che era stato così ben formato da Dio. Onde, la sacra Scrittura dice: Illusorio è il fascino e fugace la bellezza, ma la donna che teme Dio è da lodare (Pr 31,30).

 

 

CAPUT PRIMUM. Ut vitentur laicae mulieres.

CAPUT II. Ut viri sancti vitentur.

CAPUT III. Ut declinare virgo debeat juvenes.

CAPUT IV. De abstinentia.

CAPUT V. Ut virgo singula non loquatur cum singulo.

CAPUT VI. Ut jugiter virgo oret et legat.

CAPUT VII. Ut carnaliter non legi debeat Vetus Testamentum.

CAPUT VIII. De jejunii modo.

CAPUT IX De usu vini.

CAPUT X. Quatenus uti virgo lavacro debeat.

CAPUT XI. Quod peccatum sit virgini ridere.

CAPUT XII. Qualiter habeantur ancillae virginitatem professae.

CAPUT XIII. De discretione senioris erga personas singulas.

CAPUT XIV. Ut virgo aequalis sit et in paupertate et in abundantia.

CAPUT XV. De indulgentia et prohibitione carnium.

APUT XVI. Ut in Monasterio quo coepit virgo permaneat.

CAPUT XVII. Qualiter vita fugiatur privata.

CAPUT XVIII. Ne peculiare virgo in monasterio quid possideat.

CAPUT XIX. Ne virgo jurare debeat.

CAPUT XX. Ne sola virgo cum sola loquatur.

CAPUT XXI. Ne velit virgo reverti ad saeculum.

INDICE DEI CAPITOLI

 

I. Devono essere evitate le donne laiche.

II. La vergine deve evitare di trattare con gli uomini, anche se santi.

III. La vergine deve guardarsi dal trattare con i giovani.

IV. L’astinenza.

V. La vergine non deve parlare con un altro essendo sola.

VI. La vergine deve leggere e pregare di continuo.

VII. Non deve essere letto con spirito carnale il Vecchio Testamento.

VIII. Il digiuno moderato

IX. L'uso del vino.

X. Come le vergini devono usare il bagno.

XI. E’ peccato per una vergine ridere sfacciatamente.

XII. Come debbano essere considerate le inservienti che hanno professato la verginità.

XIII. La discrezione della superiora nei riguardi di ciascuna.

XIV. La vergine sia equilibrata sia nella povertà che nell’abbondanza.

XV. La concessione ed il divieto della carne.

XVI. La vergine deve perseverare nel monastero dove ha iniziato.

XVII. Essa deve fuggire dalla vita individuale.

XVIII. La vergine non deve avere beni nel monastero.

XIX. La vergine non deve giurare.

XX. La vergine non deve parlare da sola con un’altra.

XXI. La vergine non deve desiderare di tornare nel mondo.  


Link al testo latino completo della Regola

Link al testo solo italiano del Prologo e dell'indice dei capitoli

Ritorno alle "Regole ispaniche"

Ritorno alla pagina iniziale "Regole monastiche e conventuali"


| Ora, lege et labora | San Benedetto | Santa Regola | Attualità di San Benedetto |

| Storia del Monachesimo | A Diogneto | Imitazione di Cristo | Sacra Bibbia |


6 Gennaio 2016                 a cura di Alberto "da Cormano"        Grazie dei suggerimenti       alberto@ora-et-labora.net