SAN COLOMBANO

Regola di Colombano per le monache

Libera traduzione dal testo latino del "Corpus Scriptorum Ecclesiasticorum Latinorum (CSEL)"

 Link al testo latino con italiano a fronte

 

 

[Le sorelle penitenti, anche se compiono lavori duri e che insudiciano, non lavino la testa se non nel giorno di domenica, cioè l’ottavo; altrimenti ogni] [1]

 1 quindici giorni, a meno che, essendo diventati i capelli troppo lunghi e fluttuanti, ognuna non ottenga il permesso dalla superiora di lavarsi. 2 Se colei che presiede alla tavola è a conoscenza di lievi penitenze, le infliggerà al momento del pasto. 3 Non si diano più di 25 colpi alla volta.

4 [2] Le sorelle penitenti e quelle che devono assolvere una penitenza di salmi, 5 cioè, colei che deve cantare ancora dei salmi a causa di un sogno che è venuto di notte, poiché dopo l'illusione diabolica o a causa della natura del sogno 6 alcune sorelle hanno bisogno di cantare 24 salmi di fila, altre 12. Costoro li devono cantare sottovoce 7 mettendosi in ginocchio anche la domenica sera ed al tempo pasquale. 8 Ogni giorno e ogni notte, quando si dicono le preghiere alla fine di tutti i salmi, tutte le sorelle insieme, a meno che un'infermità non le impedisca, devono inginocchiarsi allo stesso comando per la preghiera 9 dicendo sottovoce: "O Dio, vieni a salvarmi, Signore, vieni presto in mio aiuto" (Sal 69,2). 10 Dopo aver cantato in silenzio questo versetto per tre volte durante la preghiera, si rialzino insieme dall'inchino della preghiera; 11 eccetto la domenica e dal primo giorno della Santa Pasqua [3] fino al cinquantesimo (giorno, dove) 12 si inchineranno solo leggermente al momento della salmodia e non piegheranno le ginocchia.

13 E la sorella che serve la domenica o che adempie a qualche bisogno delle sorelle per i bagni o per qualsiasi altra necessità, deve chiedere una preghiera prima di uscire e di rientrare. (La sorella) si informi, tuttavia: 14 se non deve andare lontano, le basti fare il segno della croce, 15 senza doversi voltare verso oriente. Quando esce dalla casa o quando rientra alla casa, se ha fretta, faccia soltanto il segno di croce; 16 quando nel cammino incontra qualcuno, se non ha fretta, chieda la preghiera e si inchini. 17 Se entra in una casupola di campagna dove non conviene fare un'adatta genuflessione, si stabilisce che si inchini solo un poco.

18 È permesso preparare l'oblazione della domenica il giorno di sabato. 19 Ed al tempo della predica, se qualcuna ha avuto nel sogno una visione impura o è stata contaminata da una naturale impurità, costei deve stare in piedi con le penitenti. 20 Ma nelle grandi solennità, quando viene dato il segnale di sedersi, quasi a metà dell’istruzione (quotidiana), è loro prescritto di mettersi a sedere. 21 In quel momento, avendo tutte udito il segnale, si affrettino alla sinassi, cioè all'ufficio, secondo il modello dell'assemblea domenicale. Quando devono comunicare ai santi misteri, si lavino le mani prima di entrare nell'oratorio, secondo il loro grado, a meno che non le abbiano lavate prima nell'ordine in cui sono entrate in chiesa. 22 Non pieghino le ginocchia, ma facciano solo un inchino; le superiore stiano nel mezzo dell'oratorio, mentre le altre si pongano a destra e a sinistra. 23 Ed in ogni solennità domenicale si canti l'inno della domenica, così pure il giorno della Natività del Signore ed all'inizio della Pasqua, cioè durante la celebrazione della Cena del Signore. 24 (La sorella) che ha cominciato ad avvicinarsi all'altare per ricevere l'ostia si inchini per tre volte. 25 Non abbiano accesso al calice le novizie, quelle che non sono ancora formate e tutte coloro che sono nella stessa situazione. E mentre viene offerto il sacrificio, nessuna legga fino a quando non si riceve l'ostia, tranne che in caso di necessità. 26 Ogni domenica e ogni grande solennità, colei che non partecipa all'assemblea delle sorelle che rivolgono le loro preghiere al Signore, preghi anche lei 27 durante l'incarico dove è impegnata per una necessità delle sorelle. 28 E durante l'oblazione non ci si muova molto qua e là.

29 Se una preposita più anziana o la madre superiora ha ordinato qualcosa ad una sorella ed un'altra preposita più giovane le impartisce a sua volta un ordine, essa deve obbedire pur segnalando a voce bassa ciò che l'altra più anziana ha ordinato. E se trasgredisce gli ordini dell'anziana, quella (più giovane) che ha dato l'ordine faccia penitenza. 30 Nessuna può dare un ordine ad un'altra sorella di rango superiore.

31 Dall'inizio del giorno fino alla notte non vi sia nessun cambio d'abito, ma (se ne abbia) uno per la notte ed un altro per il giorno.

32 (Le sorelle)  [4] siano interrogate una ad una, cioè la sera quando devono andare a letto prima che si diano la pace, 33 ed al mattino dopo l'ufficio della seconda ora quando vengono all'adunanza della comunità. 34 In questo luogo, chiedendo perdono e confessando i loro pensieri carnali e vergognosi o le loro visioni notturne, 35 allora finalmente preghino tutte insieme, dicendo: "Su di noi sia il tuo amore, Signore, come da te noi speriamo" (Sal 32,22). "Esaudiscici, o Dio nostra salvezza, fiducia degli estremi confini della terra e dei mari più lontani" (Sal 64,6). 36 Allo stesso modo, dicano a turno all'anziana: "Dammi il permesso di cambiare abito e di fare ciò che è necessario per prepararci".

37 La regola del silenzio [5] deve essere osservata con la massima cura ovunque ed in ogni azione, 38 così che, per quanto lo permette la fragilità umana abituata a precipitarsi impetuosamente nei vizi, siamo purificati da ogni vizio della lingua. 39 (Così) lavoriamo per l'edificazione del nostro prossimo, ovvero di quelli e di quelle per i quali Gesù nostro Salvatore ha versato il suo santo sangue, piuttosto che pronunciare parole uscite dal nostro cuore che lacerano gli assenti, così come fiumi di parole inutili di cui dovremo rendere conto al giudice giusto (cfr. Mt 12,36). 40 Questo è ciò che ho stabilito per quelle che vogliono intraprendere il sublime cammino che conduce alle supreme altezze del cielo e che, mentre le malefatte degli uomini volgari le circondano con le loro tenebre, sono decise ad aderire all’unico Dio inviato sulla terra. 41 Esse riceveranno certamente le ricompense immortali che hanno contemplato, con quella gioia suprema che non verrà mai meno [nell'eternità, ossia nei secoli dei secoli]. Amen

 

Aderire alla preghiera a Dio con cuore pronto. [6]

1 Con quale applicazione e quale zelo dobbiamo cercare come tendere alla pratica della religione sia con le opere che con la preghiera, 2 lo abbiamo imparato dall'esortazione del profeta: "Guardate a lui e sarete raggianti, i vostri volti non dovranno arrossire" (Sal 33,6). 3 Occorre sempre avvicinarsi affinché l'illuminazione segua l'avvicinamento. 4 Se non ci avviciniamo, non siamo illuminati; 5 se ci avviciniamo, siamo anche illuminati e possiamo dire con il profeta: "Ho cercato il Signore: mi ha risposto" (Sal 33,5). 6 Infatti, quando cerca e si applica interamente a chiedere, viene esaudito colui che si distacca dai desideri del secolo e si arricchisce interiormente di tutta la contrizione del cuore con l'ardore della compunzione. 7 "Chiedete", dice (il Signore), "e vi sarà dato" (Mt 7,7). 8 Se "chiunque chiede riceve" (Mt 7,8), perché, mentre l'ignavia della carne ci intralcia ed il peso delle nostre colpe ci ostacola, non chiediamo ogni giorno ciò che vogliamo possedere nell'eternità? Vale a dire la ricompensa della vita beata e l'infinito favore del dono eterno, che non può essere acquisito senza un grande lavoro. 9 In primo luogo, mediante il desiderio e l'istruzione, (questo dono) è invisibilmente introdotto nell'anima ed è poi consacrato dall'adempimento delle opere, ma non può essere ottenuto senza il sostegno misericordioso e l'aiuto di Dio onnipotente, ineffabile ed inafferrabile. 10 Infatti, secondo l'Apostolo, "l'uno irriga, l'altro pianta, ma solo Dio fa crescere" (cfr. 1 Cor 3, 7). 11 Salomone così lo attesta dicendo: "Appartiene all'uomo preparare il suo cuore, al Signore per dare consigli" (Pr 16,1.9, LXX). 12 Il consiglio è offerto dal Signore, se non gli si rifiuta ostinatamente l'ingresso del cuore. 13 E ci viene detto nell'Apocalisse: "Ecco: sto alla porta e busso. Se qualcuno ascolta la mia voce e mi apre la porta, io verrò da lui, cenerò con lui ed egli con me" (Ap 3,20). 14 Perciò, quando assistiamo all'opera del servizio della divina misericordia, dobbiamo essere pronti nel corpo e nell'anima, 15 così che, quando bussa, lo riceviamo nella dimora della nostra anima. Ed il nostro cuore, infiammato incessantemente dal fuoco dello Spirito Santo, mediti pensieri che invitino la misericordia del Creatore a venire alla nostra cena ed a portarci alla sua. 16 Chi verrà a questo pasto "si sazierà dell’abbondanza della sua casa, si disseterà al torrente delle sue delizie" (cfr. Sal 35,9) 17 perché presso Cristo "è la sorgente della vita ed alla sua luce vediamo la luce", 18 lui che "riversa il suo amore a quelli che lo riconoscono e la sua giustizia ai retti di cuore" (cfr. Ps 35,10-11).

19 Perciò la lingua pronunci sempre ciò che conviene per il servizio del Creatore, secondo ciò che canta il salmista: "Servite il Signore con timore e rallegratevi con tremore " (Sal 2,11). 20 Si serve il Creatore nel timore, se si unisce l'opera buona al canto di lode, come dice altrove il salmista: "Salmeggiate con sapienza" (Sal 46,7, Volg.). 21 Canta i salmi davvero con saggezza colui che non contraddice con le sue opere malvage la lode della sua voce e colui che cerca con tutto il suo zelo come servire la divina maestà con religiosa sollecitudine. 22 Così dunque, il nostro spirito si applichi nel cantare i salmi, si faccia trovare preparato a pregare, in modo che, non essendo frenato dall'ostacolo di alcun desiderio temporale, né oscurato da alcun vizio terreno, 23 ma sempre applicato e rivolto verso le realtà celesti, adornato di umiltà, di purezza, di devozione piena di zelo, tenda a ricevere le ricompense eterne. 24 (Il nostro spirito) bruci della compunzione del cuore, così che questa susciti la misericordia e la clemenza del Creatore nei suoi confronti. 25 Ognuno creda che non è grazie alla moltitudine delle parole, ma piuttosto dalla purezza del cuore e dall'abbondanza delle lacrime che si è esauditi. 26 In effetti, non è la prolissità di una lunga orazione, ma l'intenzione di uno spirito pronto che suscita la bontà del giudice clemente. 27 Di conseguenza, occorre sempre pregare, affinché conceda il perdono ai peccatori, colui che ha infuso un rimedio al mondo malato tramite la passione della croce, 28 Cristo Gesù, salvezza eterna del mondo, che con il Padre e lo Spirito Santo vive e regna nei secoli dei secoli. Amen.


[1] Il brano tra parentesi quadra è tratto dalla Regola Cenobiale di Colombano cap. 9, modificato al femminile. Nel seguito del testo vi sono poi ancora numerosi riferimenti allo stesso capitolo.

[2] I versetti da 4 a 7 si trovano uguali nella Regola di Donato al cap. 34.

[3] Ovvero la domenica.

[4] I versetti dal 32 al 36 si trovano pressoché uguali nella Regola Cenobiale di Colombano cap. 15 e nella Regola di Donato al cap.75.

[5] I versetti dal 37 al 40 si trovano pressoché uguali nella Regola di Donato al cap.19.

[6] Questo sermone è citato nella Concordia Regularum al cap. 26, col titolo Ex Regula Patrum. Lo si trova anche nella Patrologia Latina del Migne, PL 103, 932. Si veda l'introduzione.

 


Ritorno alla pagina iniziale "San Colombano"

Ritorno alla pagina iniziale "Regole monastiche e conventuali"


| Ora, lege et labora | San Benedetto | Santa Regola | Attualità di San Benedetto |

| Storia del Monachesimo | A Diogneto | Imitazione di Cristo | Sacra Bibbia |


1 giugno 2018                a cura di Alberto "da Cormano"        Grazie dei suggerimenti       alberto@ora-et-labora.net