REGULA ORIENTALIS ORIENTALIUM REGULIS COLLECTA A VIGILIO DIACONO. REGOLA ORIENTALE
 (Estratto da "Patrologia Latina Database" - Migne) (estratto da "La Regola si san Benedetto e le Regole dei Padri"
Fondazione Lorenzo Valla - Arnoldo Mondadori Editore)

INCIPIT REGULA ORIENTALIS. [0477A]

[COMINCIA LA REGOLA ORIENTALE]

I. Ut neque seniores in regendis fratribus inaniter laborent, neque disciplina juniorum vacillet, quae abbatis conversatione stabilita firma sit, oportet abbatem irreprehensibilem esse, severum, patientem, jejunum, pium, humilem: ut doctoris et Patris locum impleat seipsum formam praebens bonorum operum. Ad cujus ordinationem omnes fratres respiciant; nihil sine consilio et auctoritate ipsius facientes. Qui sustinens monasterii necessitates de omnibus quae in monasterio sunt libere judicabit; nullius personam accipiens, nec ulli gratiam praestans, seu unumquemque secundum merita quotidianae conversationis in veritate judicans, admoneat, hortetur, castiget, condemnet, vel suscipiat, si ita utile videtur, venientes ad monasterium; vel ejiciat, si ita necessitas fuerit,  [0477B] male habitantes.

II. In monasterio seniores sint duo, ad quos vel praesente abbate vel absente omnium fratrum disciplina et omnis cura monasterii pertineat: dantes sibi vices per dies, et dividentes inter se pondus ac necessitatem monasterii; ex quibus unus tempore suo praesens in monasterio semper erit, ad praestandum abbati solatium, vel obsequium advenientibus fratribus; et ad procedendum, ubi necessitas communis exegerit, atque diligentiam circa omnia quae ad quotidianam custodiam et conversationem monasterii pertinent adhibendam: ut quaecunque ad obsequium usumque monasterii facienda sunt, sine negligentia et querela faciant. Alius cum fratribus erit, tempore suo exiturus cum ipsis ad omnia  [0477C] opera et omnem necessitatem, providens ne quid contra disciplinam faciant. Qui considerans omnes actus singulorum, si quae contra rationem facta viderit, sed per se emendet, vel abbati indicet.

 III. Ille vero, qui secundum ordinem disciplinae ordinatione abbatis ex consilio et voluntate omnium fratrum fratribus praepositus est, omnem ad se curam de disciplina fratrum et diligentiam monasterii revocabit; habens potestatem abbate absente faciendi omnia quae abbas praesens facit. Ille autem patientiam, mansuetudinem, humilitatem, charitatem, aequitatem, sine personarum acceptione servabit; ita agens, ut nec abbati taedium generet, nec fratres intemperantia illius laborent. Haec observabit senior  [0478A] monasterii qui fratribus praepositus est, referens ad abbatem omnia, vel praecipue illa quae per se non voluerit explicare.

 IV. Commendatum aliquod etiam a germano fratre nullus accipiat: nihil in cella sua absque Praepositi jussione quispiam habeat, nec poma quidem vilissima, et caetera hujuscemodi.

 V. Operantes vero fratres nihil loquantur saeculare: sed aut meditentur ea, quae sancta sunt, aut certe silebunt.

 VI. Qui autem coquinat, antequam fratres reficiant, non gustabit quidquam.

 VII. Nemo in cella aut in domo sua habeat quidquam praeter ea, quae in communi monasterii lege praecepta sunt. [0478B]

 VIII. Cumque ad dormiendum se collocaverint, alter alteri non loquatur. Cellam alterius, nisi prius ad ostium percutiat, introire non audeat.

 IX. Mutare de his quae a Praeposito acceperit cum altero non audebit. Nec accipiet melius et dabit deterius, aut e contrario dans melius et deterius accipiens. Nemo ab altero accipiat quidpiam, nisi Praepositus jusserit.

X. Clausa cella nullus dormiat, nec habeat cubiculum quod claudi possit, nisi forte aetati alicujus vel infirmitati Pater monasterii concesserit.

 

I. 1 Perché gli anziani non si affatichino inutilmente a governare i loro fratelli e non vacilli fra i giovani la disciplina, la quale trova saldo fondamento nella condotta dell'abate, 2 bisogna che l'abate sia irreprensibile, severo, paziente, incline al digiuno, pio, umile, 3 così da adempiere al ruolo di maestro e di padre, offrendo se stesso come modello delle buone opere. 4 Tutti i fratelli seguano ciò che egli ordina e non facciano nulla fuori delle sue disposizioni e della sua autorità. 5 Soddisfacendo ai bisogni del monastero, egli deciderà liberamente di tutto ciò che è nel monastero, 6 senza dare particolari riconoscimenti alle persone né accordare privilegio a nessuno, 7 ma ammonisca, esorti, castighi, condanni ciascuno giudicandolo con spirito di verità secondo i meriti acquisiti con la condotta di ogni giorno; 8 e accolga, se così sembra utile, quelli che si presentano al monastero 9 o cacci via, se vi sarà necessità, quelli che vivono male nel monastero. 

II. 1 Ci siano due anziani, ai quali spetta occuparsi, presente o assente che sia l'abate, della disciplina di tutti i fratelli e di ogni affare del monastero, 2 dandosi tra loro il cambio ogni giorno e dividendosi il carico e i bisogni del monastero. 3 Uno di loro, a turno, sarà sempre presente nel monastero per prestare il suo aiuto all'abate e i suoi servizi ai fratelli che arrivano 4 e per andare là dove ci sarà bisogno e prendersi cura di tutte quelle cose che riguardano la custodia quotidiana del monastero e la condotta di vita, 5 affinché facciano senza negligenza né proteste tutto quello che va fatto per il servizio e il funzionamento del monastero. 5 L'altro, a turno, starà con i fratelli, pronto a uscire con loro per qualunque lavoro e qualunque bisogno, badando che non facciano nulla contro la disciplina. 7 Costui, osservando il comportamento di ciascuno, se noterà che è stata commessa qualche infrazione, la corregga lui stesso 0 la segnali all'abate.

III.1 Colui il quale è stato preposto ai fratelli secondo la norma regolare, per decisione dell'abate, con il consenso e per volontà di tutti i fratelli, assumerà ogni responsabilità riguardo alla disciplina dei fratelli e alla cura del monastero, 2 avendo facoltà, quando l'abate è assente, di fare tutto quello che l'abate fa quando è presente. 3 Egli avrà pazienza, mansuetudine, umiltà, carità, equità, senza riconoscimenti alle persone, 4 facendo in modo da non creare noie all'abate e che i fratelli non abbiano a soffrire del suo zelo eccessivo. 5 Queste sono le cose che osserverà l'anziano del monastero che è stato preposto ai fratelli, sottoponendo all’abate ogni cosa e in particolare quelle che egli non saprà risolvere da solo.

  IV.1 Nessuno riceva qualcosa in deposito, neppure dal proprio fratello carnale. 2 Nessuno abbia alcunché nella propria cella senza l’ordine del preposto, neppure frutta di pochissimo prezzo e altre cose di questo genere.

 V.Quando lavorano, i fratelli non dicano niente di profano, ma recitino i testi sacri o almeno stiano zitti.

 VI. Chi cucina non assaggerà nulla prima che i fratelli mangino.

 VII. Nella cella o nella sua dimora nessuno abbia qualcosa, tranne le cose che sono prescritte dalla regola comune del monastero.   

 VIII. 1 E quando si coricheranno per dormire, non parlino l'uno all'altro. 2 Nessuno si permetta di entrare nella cella di un altro senza prima bussare alla porta.

 IX. 1 Non ci si permetterà di scambiare con un altro qualcuna delle cose ricevute dal preposto, 2 né si prenda qualcosa di meglio per dare qualcosa di peggio o, al contrario, dando il meglio e ricevendo il peggio. 3 Nessuno riceva alcunché da un altro senza l'ordine del preposto.

X. Nessuno dorma in una cella chiusa né abbia una camera che possa essere chiusa, a meno che il padre del monastero lo abbia concesso a qualcuno per l'età o per malattia.

XI. Nemo a terra solvat funiculum absque jussione Patris. Qui in monasterio fratrum invenerit quidpiam, suspendat ut tollat qui cognoverit.

XII. Ad collectam et ad psallendum nullus sibi  [0478C] occasiones inveniat, quibus se dicat occupatum, quasi ire non possit. Et si in monasterio, vel in agro, aut in itinere, aut in quolibet ministerio fuerit, orandi et psallendi tempus non praetermittat.

 XIII. Qui minister est, habeat studium ne quid operis pereat in monasterio. In qualicunque omnino arte, quae exercetur a fratribus, si quid perierit, et per negligentiam fuerit dissipatum, increpetur a Patre minister operum; et ipse iterum increpet alium qui opus perdiderit, duntaxat juxta voluntatem et praescientiam principis, absque quo nullus increpandi fratrem habebit potestatem.

 XIV. Si inventus fuerit unus a fratribus aliquid  [0479A] per contentionem agens, vel contradicens majoris imperio, increpabit juxta mensuram peccati sui.

 XV. Qui mentitur, aut odio quemquam habere fuerit deprehensus, aut inobediens, aut plus joco quam honestum est deditus, aut otiosus, aut dure respondens, aut habens consuetudinem fratribus detrahendi vel his qui foris sunt, et omnino quidquid contra Regulam Scripturarum est et monasterii disciplinam, et audierit Pater monasterii, vindicabit juxta mensuram opusque peccati.

 XVI. Si omnes fratres viderint Praepositum nimium negligentem, aut dure increpantem fratres, et mensuram monasterii excedentem, referant hoc Patri, et ab eo increpetur. Ipse autem Praepositus nihil faciat, nisi quod Pater jusserit: maxime in re nova.  [0479B] Quae ex more descendit, servabit Regulam monasterii.

 XVII. Praepositus vero non inebrietur, nec sedeat in humilioribus locis. Ne rumpat vincula quae Deus in coelo coadidit ut observentur in terris. Ne lugeat in die festo Domini Salvatoris; dominetur carni suae juxta mensuram Sanctorum. Non inveniatur in excelsis cubilibus, imitans morem gentilium. Non sit duplicis fidei. Non sequatur cordis sui cogitationes, sed legem Dei. Non resistat sublimioribus tumenti animo potestatibus. Ne fremat, nec hirriat iratus super humiliores; nec transferat terminos Regulae. Non sit fraudulentus, neque in cogitationibus verset dolos; nec negligat peccatum animae suae; nec vincatur  [0479C] carnis luxuria. Non ambulet negligenter. Non loquatur verbum otiosum. Non ponat scandalum ante pedes caeci. Non doceat voluntatem animam suam. Non resolvatur risu stultorum ac joco. Non capiatur cor ejus ab his qui inepta loquuntur et dulcia. Non vincatur muneribus; non parvulorum sermone ducatur. Non deficiat in tribulatione. Non mortem timeat, sed Deum; non praevaricator sit propter imminentem timorem. Non relinquat verum lumen propter modicos cibos. Non nutet ac fluctuet in operibus suis. Non mutet sententiam, sed firmus sit solidique decreti; justus, cuncta considerans; judicans in veritate absque appetitu gloriae; manifestus Deo et hominibus, et a fraude procul. Ne ignoret conversationem suorum, nec ad eorum scientiam  [0479D] caecus existat. Nulli noceat per superbiam; nec sequatur concupiscentias oculorum. Veritatem nunquam praetereat: oderit injustitiam. Secundum personam nunquam judicet pro muneribus, nec condemnet animam innocentem per superbiam. Non rideat inter pueros: non deserat veritatem timore superatus. Non despiciat eos, qui indigent misericordia. Non deserat justitiam propter lassitudinem; ne perdat animam suam propter verecundiam: ne respiciat dapes lautioris mensae: nec pulchra vestimenta desideret; nec se negligat, sed semper dijudicet cogitationes suas. Non inebrietur vino, sed humilitati junctam habeat veritatem. Quando judicat, sequatur praecepta majorum et legem Dei, quae in toto orbe praedicata est. [0480A]

 XVIII. Si deprehensus fuerit aliquis e fratribus libenter cum pueris ridere et ludere, et habere amicitias aetatis infirmae, tertio commoneatur, ut recedat ab eorum necessitudine, et memor sit honestatis, et timoris Dei: si non cessaverit, corripiatur, ut dignus est correptione severissima.

 XIX. Qui contemnunt praecepta majorum, et Regulas monasterii, quae Dei praecepto constitutae sunt, et parvipendunt seniorum consilia, corripiantur juxta ordinem constitutum, donec corrigantur.

XX. Majores, qui cum fratribus mittuntur foras, quandiu ibi fuerint, habebunt jus Praepositorum, et eorum regentur arbitrio. Docebunt fratres per constitutos dies; et si forte inter eos ortum fuerit aliquid simultatis, audient ipsi majores, et dijudicabunt  [0480B] causam, et dignum culpa increpabunt; vel ad imperium eorum statim pacem pleno corde consocient.

XI. 1 Nessuno sleghi da terra una corda senza l'ordine del padre. 2 Chi troverà un oggetto nei luoghi di riunione, lo tenga alzato affinché lo prenda chi lo riconoscerà.   

 XII. 1 Nessuno trovi pretesti per mostrare di non potere andare alla sinassi e alla salmodia. 2 E se si troverà nel monastero o nei campi o in viaggio o in qualunque altro servizio, non lasci passare il tempo della preghiera e della salmodia.

 XIII. 1 Chi è di servizio abbia cura che nel monastero non vada perduto niente. 2 In qualunque mestiere esercitato dai fratelli, se qualcosa si è perduta o è andata distrutta per negligenza, sia richiamato dal padre il responsabile del servizio 3 e questi, a sua Volta, richiami chi ha lasciato andare a male il lavoro, ma sempre secondo la volontà e alla presenza del superiore, 4 senza il cui ordine nessuno avrà facoltà di riprendere un fratello.

 XIV. Se si troverà che uno dei fratelli fa qualcosa mettendo in discussione o contraddicendo l'ordine di un superiore, sarà ripreso secondo la gravità della sua colpa.   

 XV. 1 Chi mente o sarà trovato a odiare qualcuno o è disubbidiente o pronto a celiare più di quanto sia giusto o sta a oziare o risponde con durezza o ha l’abitudine di dir male dei fratelli o dei forestieri, 2 e insomma tutto quello che è contro la norma delle Scritture e la disciplina del monastero le se il padre verrà a saperlo, costui sconterà la pena secondo la gravità e il tipo del peccato.

 XVI. 1 Se tutti i fratelli che sono nella casa hanno constatato che il preposto è troppo negligente o riprende i fratelli con durezza e va oltre la norma in uso nel monastero, lo riferiscano al padre e questi lo riprenda. 2 Da parte sua il preposto faccia soltanto quello che gli ha ordinato il padre, specialmente in un campo nuovo. Egli osserverà la regola del monastero, che discende dalla consuetudine.

 XVII. 1 Il preposto non si ubriachi 2 e non sieda in posti inferiori. 3 Non rompa i vincoli che Dio ha stabilito in cielo perché li si osservi sulla terra. 4 Non faccia penitenza nel giorno di festa del Signore Salvatore. 5 Domini la sua carne secondo la norma dei santi. 6 Non si faccia trovare su alti letti, irritando l'uso dei pagani.    7 Non sia di dubbia fede. 3 Non segua i pensieri del suo cuore, ma la legge di Dio. 9 Non resista con animo superbo alle autorità superiori. 10 Non frema né scalpiti adirandosi con i più umili 11 e non oltrepassi i limiti della regola. 13 Non sia fraudolento e non agiti nei suoi pensieri disegni ingannevoli; 13 non trascuri il peccato della sua anima 14 e non si lasci vincere dalla lussuria della carne. 15 Non proceda con negligenza. 16 Non pronunci parole vane. 17 Non metta ostacoli davanti ai piedi del cieco. 18 Non insegni alla sua anima a fare il proprio volere. 19 Non si faccia snervare dal riso degli stolti e dalla celia. 20 Il suo cuore non sia preso da quelli che proferiscono parole vuote e seducenti. 31 Non si lasci vincere dai regali. 33 Non si faccia coinvolgere dai discorsi dei bambini. 33 Nei triboli non si scoraggi. 24 Non tema la morte, ma Dio. 25 Non sia prevaricatore per l'incombere della paura. 26 Non lasci la luce vera per un poco di cibo. 27 Non sia esitante e non ondeggi nelle sue azioni. 23 Non cambi parere, ma sia fermo e saldo nelle decisioni, giusto, capace di considerare tutto, giudicando secondo verità e senza cercare la gloria, manifeste a Dio e agli uomini e alieno dalla frode. 29 Non ignori il modo di vivere dei santi e non resti cieco circa la loro scienza. 3° Non rechi danno a nessuno per superbia 31 e non assecondi le concupiscenze degli occhi. 32 Non tralasci mai la verità. 33 Odi l'ingiustizia. 34 Non giudichi mai accordando riconoscimenti alla persona in cambio di regali 33 e non condanni per superbia un’anima innocente. 36 Non rida in mezzo ai fanciulli. 37 Non abbandoni la verità sotto l'imperio della paura. 33 Non tratti con spregio coloro che hanno bisogno di misericordia. 39 Non lasci la giustizia per stanchezza. 40 Non perda la sua anima per ritrosia. 41 Non volga gli sguardi alle vivande di una mensa più ricca, 43 non desideri bei vestiti 43 e non si trascuri, ma giudichi sempre i suoi pensieri. 44 Non si ubriachi col vino, ma tenga congiunte la verità e l’umiltà 45 Quando giudica, segua gli insegnamenti degli anziani e la legge di Dio, che è stata predicata in tutto il mondo.

 XVIII. 1 Se uno dei fratelli sarà trovato a ridere e a giocare volentieri con dei ragazzi e a coltivare amicizie con la gioventù, sia avvertito tre volte di por fine al rapporto con costoro e di ricordarsi della convenienza e del timore di Dio. 2 Se non desisterà, sia corretto, con una punizione severissima, come merita.

 XIX. Coloro che disprezzano i precetti degli anziani e le regole del monastero, che sono state fissate dal comandamento di Dio, e fanno poco conto dei pareri degli anziani, siano corretti secondo la maniera stabilita fino a quando si rawedono.

 XX. 1 Gli anziani che vengono mandati fuori con i fratelli, per il tempo che resteranno avranno i diritti dei preposti e tutto sarà sottoposto alla loro decisione. 2 Istruiranno i fratelli nei giorni stabiliti 3 e, se per caso tra questi nascerà qualche disaccordo, spetta agli anziani ascoltare e giudicare la questione e riprendere, come si  deve, la colpa, 4 sicché al loro comando i fratelli ristabiliscano subito la pace con tutta l'anima.

 

XXI. Si quis frater contra Praepositum suum habuerit tristitiam, aut ipse Praepositus contra fratrem aliquam querimoniam, probatae fratres conversationis et fidei eos audire debent, et dijudicabunt inter eos. Si tamen absens est Pater monasterii, vel alicubi profectus, primum quidem exspectabunt eum: sin autem diutius vident foris demorari, tunc audient inter Praepositum et fratrem; ne diu suspenso judicio tristitia major oriatur, ut et ille qui Praepositus est, et ille qui subjectus est, et illi qui audiunt, juxta timorem Dei cuncta faciant, et non dent in ullo occasionem discordiae. [0480C]

 XX. Nullus mittatur foras ad aliquod negotium solus. Missi vero non singuli, sed bini vel terni ambulent: ut dum se invicem custodiunt et consolantur, et seniores eorum de honesta eorum conversatione securi sint, et illi non periclitentur. Observantes tamen hoc, ut non se invicem fabulis inanibus destruant, neque negligentiae dent locum destructionis; sed unusquisque in actu suo attentus sit, prout tempus fuerit.

 XXIII. Quando autem reversi fuerint in monasterium, si ante ostium viderint aliquem quaerentem suorum affinium, de his qui in monasterio commorantur, non valebunt ire ad eum, et nuntiare, vel evocare. Et omnino quidquid foris gesserint, in  [0480D] monasterio narrare non praesumant.

 XXIV. Omnibus erit potestas legendi usque ad horam tertiam: si tamen nulla causa exstiterit, qua necesse sit etiam aliquid fieri. Post horam vero tertiam si quae statuta sunt, sicut scriptum est, per superbiam, vel negligentiam, vel desidiam intercedentem non custodierit, sciat se cum in hoc errore deprehensus fuerit, culpabilem judicandum; quia per suum errorem et alios in vitium mittit.

 XXV. Cellarii vero cura sit, ut abstinentiam et sobrietatem studens illata in monasterio ad sumptus fratrum diligenter et fideliter servet: nihil suscipiens, nec quidquam tradens sine auctoritate vel seniorum consilio. Qui etiam omnia utensilia, quae in monasterio sunt, id est, vestem, vas, ferramentum, et  [0481A] quidquid usibus quotidianis necessarium est, custodiat; et unamquamque rem proferens, cum fuerit necessarium, ab eo iterum ad reponendum, cui utendo consignaverit, recepturus. Ad victum vero fratrum proferat ac tradat septimanariis, ad condiendos cibos det necessaria secundum quotidianae expensae consuetudinem, neque profuse, neque avare; ne vitio ipsius vel monasterii substantia gravetur, vel fratres patiantur injuriam. Sed et necessitatem infirmorum fratrum ac laborem considerans, nihil aegrotantium desideriis neget ex his, quae habuerit, quantum illis necesse fuerit. Advenientibus diversis fratribus escas parabit. Haec erit cura custodis cellarii, recurrens semper ad seniorum consilium, et requirens de omnibus, vel praecipue de his quae proprio suo intellectu  [0481B] non potuerit adimplere.

XXVI. Ostiarii cura sit, ut omnes advenientes intra januas recipiat; dans eis responsum honestum cum humilitate et reverentia, ac statim nuntians vel abbati, vel senioribus, quis venerit, et quid petierit. Nec ullus extraneorum patiatur injuriam; neque habeat cum aliquo de fratribus necessitatem ac facultatem loquendi, absque scientia abbatis vel seniorum praesentia. Si quid vero cuicunque de fratribus missum mandatumque fuerit, nihil ad ipsum perveniat priusquam abbati vel senioribus indicetur. Ante omnia ostiarius monasterii haec observabit, ne quemquam de fratribus foris januam exire permittat.

 XXVII. Si quis accesserit ad ostium volens saeculo renuntiare, et fratrum aggregari numero, non  [0481C] habeat libertatem intrandi; sed prius nuntietur Patri monasterii, et manebit paucis diebus foris ante januam, ac docebitur orationem Dominicam, et psalmos quantos potuerit discere; et diligenter sui experimentum dabit, ne forte mali quidpiam fecerit, ut turbatus ad horam timore discesserit, aut sub aliqua potestate sit; et utrum possit renuntiare parentibus suis, et propriam contemnere facultatem. Si eum viderint aptum ad omnia, tunc docebitur et reliquas monasterii disciplinas; quae facere debeat, quibusque servire, sive in collecta omnium fratrum, sive in domo cui tradendus est, sive vescendi ordine: ut instructus atque perfectus in omni opere bono fratribus copuletur. Haec observabit custos januae, referens  [0481D] omnia, sicut superius scriptum est, et annuntians senioribus.

 XXVIII. Septimanarii ad cibos parandos, vel ad luminaria concinnanda, vel ad nitores faciendos, et quae ad obsequium ususque monasterii pertinent, semper parati sint. Hos nulla alia necessitas occupet, sed in hoc studium impendant, ut rem susceptam utiliter et diligenter impleant. Et si quid forte nesciunt, de his quae agere debent, sine dissimulatione seniores suos semper interrogent.

XXIX. Hi itaque quibus disciplina, vel utilitas, vel opinio, vel obsequium monasterii creditur, officia sibi injuncta fideliter custodiant et impleant. Hos enim errare non decet, qui ad omnes errores emendandos praepositi sunt. Qui si vel superbia, vel  [0482A] negligentia, vel desidia aliqua ex his praetermiserint, quae in Regula continentur; per ipsosque destructio esse coeperit, per quos debet aedificatio crescere, omnibus condemnationibus, quas Regala continet, subjacebunt.

 XXX. Inter omnes fratres hoc observabitur, vel obedientes senioribus suis, et deferentes sibi invicem, habeant patientiam, moderationem, humilitatem, charitatem, pacem sine figmento et mendacio, et maledictione, et verbositate, et jurandi consuetudine, ita ut nemo suum quidquam vindicet, neque ullus aliquid peculiariter usurpet; sed habeant omnia communia.

 

 

XXI. 1 Se un fratello avrà malanimo contro il suo preposto o lo stesso preposto avrà da lamentarsi di un fratello, 2 saranno dei fratelli di vita e di fede provata ad ascoltarli e giudicare tra le parti, 3 se pero il padre del monastero è assente o si è trasferito altrove. 4 E per prima cosa lo aspetteranno, ma se vedranno che rimane fuori più a lungo, allora ascolteranno il preposto e il fratello, perché da un giudizio rinviato a lungo non derivi un malanimo maggiore. 5 Colui che è preposto e colui che è sottoposto e anche coloro che li ascoltano facciano ogni cosa secondo il timor di Dio e non diano in nessun caso occasione di discordia.

 XXII. 1 Nessuno sia mandato fuori per qualche affare da solo. 2 Quelli che sono inviati non vadano da soli, ma a due o a tre, 3 per guardarsi e sostenersi a vicenda, e i loro anziani siano sicuri della loro condotta quale si conviene, ed essi non siano in pericolo. 4 Essi badino tuttavia a non rovinarsi reciprocamente con vuote chiacchiere e non lascino ai negligenti spazio per una tale rovina, 5 ma ciascuno sia attento al proprio operato in ogni circostanza .   

 XXIII. 1 Quando poi essi rientreranno nel monastero, se davanti la porta vedranno qualcuno che chiede di vedere uno dei parenti che vivono nel monastero, non potranno andare da costui e date la notizia o chiamarlo. 2 E non si permettano di raccontare nel monastero niente assolutamente di quello che hanno fatto fuori.

 XXIV. 1 I fratelli avranno la facoltà di leggere sino all'ora terza, 2 se perö non ci sarà nessun motivo che obblighi a fare qualcosa. 3 Dopo l'ora terza, se per orgoglio o per negligenza o per pigrizia uno non osserverà quello che è stabilito, nel modo fissato per iscritto, 4 sappia che, qualora venisse trovato in questo errore, lo si deve dichiarare colpevole, poiché col suo errore induce al male anche altri.

 XXV. 1 Sia cura del cellarario, applicandosi a mantenere l’astinenza e la sobrietà di conservare diligentemente e fedelmente ciò che viene portato nel monastero per rifornire i fratelli. 2 Egli non riceverà né darà nulla senza l’autorizzazione e il parere degli anziani. 3 Custodisca anche tutti gli utensili che sono nel monastero, cioè le vesti, i vasi, gli attrezzi e tutto ciò che è necessario ai bisogni quotidiani. 4 Egli fornirà ogni oggetto quando sarà necessario, lo riceverà per rimetterlo al suo posto da colui al quale lo aveva affidato per l'uso. 5 Il vitto dei fratelli lo fornisca consegnandolo ai settimanari. 6 Dia il necessario per condire i cibi ogni giorno secondo l'uso, senza prodigalità né avarizia, 7 perché per sua colpa non sia gravato il patrimonio del monastero o i fratelli ne siano danneggiati. 8 Considerando i bisogni e la fatica dei fratelli infermi, non neghi ai desideri degli ammalati nulla delle cose che ha, nella misura che sarà loro necessaria. 9 Egli preparerà i cibi per i fratelli che arrivano da altre parti. 1° Questo sarà il compito del custode della dispensa, sempre ricorrendo al parere degli anziani e consultando tutti, specialmente sulle cose alle quali non potrà adempiere col proprio raziocinio.

 XXVI. 1 Sia cura del portiere di accogliere dentro le mura tutti quelli che arrivano, 2 dando loro una risposta conveniente, con umiltà e rispetto e subito andando ad annunciare all'abate o agli anziani chi viene e che cosa vuole. 3 Nessun forestiero riceva offesa 4 e non abbia bisogno né gli sia permesso di parlare con qualcuno dei fratelli senza che l'abate lo sappia o che siano presenti gli anziani. 5 Se si manderà o si farà dire qualcosa a qualcuno dei fratelli, a costui non arrivi nulla prima che sia detto all'abate o agli anziani. 6 Prima di tutto il portiere del monastero baderà che nessuno dei fratelli si permetta di varcare la porta.

 XXVII. 1 Se qualcuno si presenterà alla porta del monastero volendo rinunziare al secolo e aggregarsi alla schiera dei fratelli, non abbia    la libertà di entrare, 2 ma venga prima annunziato al padre del monastero. Egli resterà pochi giorni davanti alla porta, e gli si insegneranno l'orazione domenicale e quanti salmi sarà capace di apprendere, 3 e darà diligentemente prova di sé: per verificare che non abbia commesso qualche misfatto e abbia preso la fuga momentaneamente sconvolto e per paura, oppure che si trovi sotto altrui potestà 4 e se possa rinunziare ai suoi parenti e rifiutare le proprie ricchezze. 5 Se lo vedranno completamente adatto, allora gli si insegneranno le altre pratiche del monastero, che cosa debba fare, 6 a chi debba servire, sia quando tutti i fratelli si riuniscono sia nel regolamento del pasto, 7 cosicché, istruito e compiutamente addestrato in tutto il buon operato, sia associato ai fratelli. 8 Queste norme osserverà il custode della porta, tutto riferendo, come è stato scritto sopra, e annunziando agli anziani.

 XXVIII. 1 I settimanari siano sempre pronti a preparare i cibi, a disporre le lampade, a fare le pulizie e a tutto quello che riguarda il servizio e il funzionamento del monastero. 2 Non siano impegnati in nessun'altra occupazione, ma rivolgano ogni loro sforzo a compiere utilmente e diligentemente l’incarico che hanno assunto. 3 Nel caso poi che non sappiano cosa fare, senza nasconderlo chiedano sempre ai loro anziani.   

 XXIX. 1 Cosi, quelli ai quali sono affidati la disciplina, l'utile, la reputazione 0 il servizio del monastero, badino con scrupolo e soddisfino ai compiti che sono stati loro attribuiti. 2 Non è giusto, infatti, che sbaglino coloro che hanno il compito di correggere tutti gli sbagli. 3 Se essi per orgoglio o per negligenza o per pigrizia tralasceranno qualcuna delle prescrizioni che sono contenute nella regola, 4 e se a provocare rovina saranno proprio coloro che devono fare crescere l’edificio, 5 saranno sottoposti a tutte le sanzioni previste dalla regola.

 XXX. 1 Tra tutti i fratelli si osserverà questo, che, obbedendo ai loro anziani e prestandosi reciprocamente onore, essi abbiano pazienza, moderazione, umiltà, carità, pace senza simulazione né menzogna né maldicenza né chiacchiere né giuramenti abituali, 2 sicché nessuno rivendichi nulla come proprio e nessuno si accaparri nulla per proprio uso, ma abbiano tutto in comune.

 

XXXI. Sine seniorum verbo et auctoritate nullus fratrum quidquam agat: neque accipiat aliquid, neque  [0482B] det; neque usquam prorsus procedat.

 XXXII. Cum vero inventa fuerit culpa, ille qui culpabilis invenitur, corripiatur ab abbate secretius. Quod si non sufficit ad emendationem, corripiatur a paucis senioribus. Quod si nec sic emendaverit, excommunicetur, et non manducet quidquam. Cui si nec hoc quidem profuerit, in quolibet loco fuerit, postremus inter omnes in psallendi ordine ponatur. Quod si in pravitate perseverat, etiam psallendi ei facultas auferatur. Quem si vel haec confusio non commoverit, abstineatur a conventu fratrum; ita ut nec mensae, nec Missae intersit, neque cum eo ullus frater de junioripus colloquatur. Abstinebitur autem tamdiu, quandiu vel qualitas culpae poposcerit, secundum abbatis ac seniorum arbitrium; vel se ex corde pro culpa  [0482C] poenitens humiliaverit, et veniam erroris sui omnibus praesentibus petierit. Quod si in fratrem peccavit, etiam ab eo fratre veniam petat, cui injuriam fecit.

XXXIII. Si quis errori ejus consenserit, et secundum duritiam illius magis consilium dederit, ut se tardius humiliet, sciat se, cum in hoc errore fuerit deprehensus, simili modo culpabilem judicandum.

 XXXIV. Hoc etiam addendum fuit, ut frater, qui pro qualibet culpa arguitur vel increpatur, patientiam habeat, et non respondeat arguenti se: sed humiliet se in omnibus et emendet.

 XXXV. Si vero fuerit aliquis tam durus, et tam alienus a timore Domini, ut tot castigationibus et tot remissionibus non emendet, projiciatur de monasterio, et velut extraneus habeatur: ne vitio ipsius  [0482D] alii periclitentur.

XXXVI. Quod si aliquis locutus fuerit, vel riserit in vescendo, increpetur, et agat poenitentiam.

 XXXVII. Si quis ad manducandum tardius venerit absque majoris imperio, similiter agat poenitentiam, aut ad cellam suam jejunus revertatur.

 XXXVIII. Si aliquid necessarium fuerit in mensa, nemo audebit loqui, sed ministrantibus signum soni dabit. Ministri vero absque his quae in commune fratribus praeparata sunt, nihil aliud comedant, nec mutatos cibos sibi audeant praeparare.

 XXXIX. Nemo plus alteri dabit quam alter accepit; quod si obtenditur infirmitas, Praepositus domus  [0483A] perget ad ministros aegrotantium, ab his quae necessaria sunt accipiet.

 XL. Quando ad ostium monasterii aliqui venerint, si clerici fuerint aut monachi, majori honore suscipientur: lavabuntque pedes eorum, juxta Evangelii praeceptum, et praebebunt eis omnia quae apta sunt usui monachorum.

 

XXXI. 1 Nessun fratello faccia niente senza l’autorizzazione verbale degli anziani, 2 non riceva e non dia niente 3 e non si rechi da nessuna parte.   

 XXXII. 1 Quando si scoprirà una mancanza, chi viene trovato colpevole sia ripreso dall'abate segretamente. 2 Se questo non basta a correggerlo sia ripreso da pochi anziani. 3 Se neppure allora egli si  correggerà, sia castigato davanti a tutti. 4 E se non si correggerà neppure così, sia scomunicato e non mangi niente. 5 Se neanche questo gioverà, qualunque sia il suo rango venga collocato ultimo fra tutti nell'ordine della salmodia. 6 Se continua nella cattiva condotta, gli sia tolta anche la facoltà di salmodiare. 7 Se neanche questa umiliazione lo smuoverà, sia allontanato dalla comunità dei fratelli, 8 e non gli sia consentito di partecipare né alla mensa né all’ufficio e nessuno dei fratelli più giovani si intrattenga a parlare con lui. 9 Egli sarà tenuto in disparte fino a quando lo richiederà la natura della mancanza a giudizio dell'abate e degli anziani 10 e fino a quando si umilierà dal profondo del cuore facendo penitenza per la mancanza e chiederà perdono del suo errore alla presenza di tutti. 11 Se egli ha peccato nei confronti di un fratello, chieda perdono anche a questo fratello al quale ha recato offesa.

 XXXIII. 1 Se qualcuno sarà solidale con il suo errore e gli consiglierà, incoraggiandolo nell'ostinazione, di tardare nell'umiliarsi, 2 sappia che, quando sarà colto in questo errore, lo si dovrà giudicare colpevole nella stessa misura.   

 XXXIV. Si è dovuto anche aggiungere questo, che un fratello che viene accusato di una mancanza o viene ripreso, abbia pazienza e non risponda a chi lo accusa, ma si umilii in tutto e si corregga.

 XXXV. Se ci sarà qualcuno tanto ostinato e tanto insensibile al timore di Dio da non correggersi dopo tanti castighi e tanti perdoni, sia cacciato dal monastero e trattato come un estraneo, affinché altri non corrano pericolo per la sua colpa.

 XXXVI. Se qualcuno parlerà o riderà durante i pasti, sia ripreso e faccia penitenza.

 XXXVII. Se qualcuno arriverà tardi alla mensa senza il permesso di un superiore, faccia anch'egli penitenza o ritorni digiuno nella sua cella.   

 XXXVIII. 1 Se a tavola si avrà bisogno di qualcosa, nessuno si permetterà di parlare, ma darà agli inservienti un segnale sonoro. 2 Gli inservienti non mangino nient'altro che le cose preparate per i fratelli in comune e non si permettano di prepararsi piatti differenti.

 XXXIX. 1 Nessuno darà a uno più di quanto ha avuto un altro. 2 Se si accampano ragioni di infermità, il preposto della casa andrà a trovare gli inservienti dei malati e da loro apprenderà quello che è necessario.

 XL. 1 Quando verrà gente alla porta del monastero, se saranno chierici o monaci saranno accolti con maggiori onori. 2 I fratelli laveranno loro i piedi secondo il precetto del Vangelo e li forniranno di tutto quello che conviene all'uso dei monaci.

 

XLI. Si quis ad ostium monasterii venerit, dicens velle se videre fratrem suum vel propinquum, janitor nuntiabit abbati, et permittente eo accipiet comitem, cujus fides probata est; et sic mittetur ad fratrem videndum vel proximum.

 XLII. Si propinquus alicujus mortuus fuerit, prosequendi funus non habebit licentiam, nisi Pater  [0483B] monasterii praeceperit.  [0484A]

 XLIII. Nullus de horto tollat olera, nisi ab hortulano acceperit.

 XLIV. Nemo alteri loquatur in tenebris; nullus in psiatho cum altero dormiat; manum alterius nemo teneat; sed sive steterit, sive ambulaverit, sive sederit, uno cubito distet ab altero.

 XLV. Si quis tulerit rem non suam, ponetur super humeros ejus; et sic agat poenitentiam publice in collecta.

 XLVI. Si Praepositus injuste judicaverit, injustitiae ab aliis condemnabitur.

 XLVII. Qui consentit peccatis, et defendit alium delinquentem, maledictus erit apud Deum et homines, corripietur increpatione severissima.  [0484B]

 Explicit Regula Orientalis.

 

XLI. 1 Se qualcuno verrà alla porta del monastero dicendo di voler vedere un suo fratello o un parente, il portinaio ne darà notizia all'abate e, se questo darà il permesso, sarà accompagnato da uno di fede provata 2 e sarà cosi mandato a vedere il fratello o il parente.

 XLII. Se a qualcuno morirà un parente, non avrà facoltà di andare ai funerali, a meno che gliene dia permesso il padre del monastero.

 XLIII. Nessuno prenda legumi dall'orto, a meno che non li riceva dall’ortolano.

 XLIV. 1 Nessuno parli a un altro nel buio. 2 Nessuno dorma con un altro sulla stessa stuoia. 3 Nessuno tenga la mano a un altro, ma uno stia distante da un altro un cubito, sia che stia all’impiedi o cammini o sia seduto.

 XLV. Se qualcuno prenderà un oggetto non suo, gli sarà posto sulle spalle e cosi faccia penitenza in pubblico davanti ai fratelli riuniti.  

  XLVI. Se il preposto giudicherà ingiustamente, sarà condannato dagli altri per la sua ingiustizia.

 XLVII. Chi è solidale coi peccati e difende il fratello che pecca, sarà maledetto presso Dio e presso gli uomini e sarà punito con una correzione severissima.

 [FINISCE LA REGOLA ORIENTALE]    

 


Ritorno alla pagina iniziale "Regole monastiche e conventuali"


| Ora, lege et labora | San Benedetto | Santa Regola | Attualità di San Benedetto | Temi della Regola |

| Dialoghi di S. Gregorio M. | Piccolo Ufficio | Imitazione di Cristo | Sacra Bibbia | Ricerca nel sito | Siti collegati |


21 giugno 2014                a cura di Alberto da Cormano        Grazie dei suggerimenti       alberto@ora-et-labora.net