REGOLA DEL MAESTRO

 (Libera traduzione da "Patrologia Latina" - J. P. Migne)

 

Domanda dei discepoli:

CAPITOLO XCIIII. SE L'ABATE MUORE IMPROVVISAMENTE, COME PROCEDERE AD ISTITUIRE UN ALTRO ABATE PRESO FRA I FRATELLI DUBBIOSI POICHÉ, DA VIVO, NON AVEVA DESIGNATO IL MIGLIORE Ed UNA MORTE IMPROVVISA LO HA SORPRESO.

Il Signore ha risposto per mezzo del Maestro:

1 Considerando il repentino declino della natura umana ed il modo improvviso in cui viene di solito morte, ecco le misure idonee che occorreva rintracciare e che abbiamo decretato in vista dell'ordinazione fra gli incerti, di modo che, fra i fratelli incerti, si possa trovare una procedura certa. 8 Dunque, poiché abbiamo detto prima che nel monastero i ranghi degli uni e degli altri dovevano essere indistinti e che nessuno doveva ricevere una certezza della dignità di secondo; 3 poiché, dunque, l'abate ancora vivente non ha deciso di ordinare dopo di lui qualcuno che ha riconosciuto migliore degli altri, 4 nel caso che l'abate in questione se ne vada improvvisamente nel Signore, noi rispondiamo: Cosa fare? 5 Per evitare che ciascuno presupponga di sua iniziativa che gli spetti la successione e che metta tutti in rivolta, tanto che una violenta disputa dove ci si infiamma per i partiti avversi trasformerebbe la casa di pace in un campo di battaglia, 6 per questa ragione decretiamo che il pontefice del territorio ed il clero faranno la scelta di un abate di grande santità, 7 che riceverà questa regola (per essere) alla testa di questa comunità al posto dell’abate precedente defunto e rimarrà durante trenta giorni alla testa di tutti i fratelli. 8 Anche lui, secondo le prescrizioni di questa regola, esaminerà chi fra tutti potrà essere trovato superiore in tutta l’osservanza. 9 Il trentesimo giorno, dunque, questo abate presterà giuramento sui santi vangeli davanti al vescovo ed al clero, dicendo che nessuno lo ha comperato con promesse o adulazioni, ma che dichiara onestamente ciò che ha constatato in questo compito divino. 10 Ed immediatamente, essendo tutta la Comunità schierata davanti a lui, prenderà sul momento la mano di colui che ha trovato migliore in tutta la sua condotta, in tutta l’osservanza dei comandamenti di Dio e delle prescrizioni della regola. 11 E soltanto allora il pontefice ed il clero del territorio procederanno all'ordinazione al primato nella sua persona, secondo le prescrizioni di questa regola, come abbiamo detta più sù.


 Regola del Maestro: elenco dei Capitoli


Ritorno alla pagina iniziale: "Regola del Maestro" 


| Ora, lege et labora | San Benedetto | Santa Regola | Attualità di San Benedetto |

| Storia del Monachesimo | A Diogneto | Imitazione di Cristo | Sacra Bibbia |


1 giugno 2017      a cura di Alberto "da Cormano" Grazie dei suggerimenti alberto@ora-et-labora.net